AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE politica

Fascismo, Feltri difende il ‘Corsaro nero’. Ma non sarà mai Indro Montanelli

ROMA – Dopo la battuta antisemita del poco onorevole Massimo Corsaro contro l’on. Emanuele Fiano, oggi in difesa del ‘Corsaro nero” scende in campo Vittorio Feltri.

A Feltri non è piaciuto l’articolo dell’editorialista del Corriere della Sera e dopo aver tentato di giustificare l’ingiustificabile conclude così: “… Con questo non vogliamo dire che Pierluigi Battista sia da prendere a calci nel sedere perché non ha capito il senso della battutaccia uscita di bocca a Massimo. Sia però consentito fargli presente di aver esagerato nella indignazione e nell’aver auspicato che il reprobo sia allontanato dall’aula sorda e grigia. Senza voler mancare di rispetto ad alcuno, mi sia permesso affermare che qui le teste di cazzo siano più di una. Trasformare un battibecco da osteria in un incidente politico e ideologico è una operazione talmente sciocca da richiedere l’ intervento degli psichiatri, i soli in grado di calmare gli animi e le zucche disturbate dal pregiudizio”.

A Feltri, giornalista che da decenni si sforza di somigliare a Indro Montanelli, in questa occasione non possiamo che replicargli con una battuta del mitico Fortebraccio: “Vittorio Feltri, una fronte inutilmente spaziosa”.

Nico Perrone

LEGGI ANCHE

14 luglio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram