AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE politica

D’Alema: “Renzi educa i figli all’odio, concordo con il disgusto di Letta”

M. D’Alema


ROMA – “C’è un episodio rivelatore che mi ha colpito molto, quando Renzi scrive nel suo libro che sua figlia chiede se è certo dell’abiura del dalemismo da parte di Orfini. È aberrante, questa è educazione all’odio, è l’elogio del tradimento. Se questi sono i principi educativi, c’è da essere seriamente preoccupati”. Lo dice Massimo D’Alema in un’intervista al ‘Fatto Quotidiano’.

Allora lei ha letto ‘Avanti’? “Per l’amor del cielo. Concordo con Letta quando parla di disgusto. Ho altro da leggere. Ho visto le numerose anticipazioni pubblicate dai quotidiani. Quante sono? Otto? Una cosa sconcertante, questa è informazione di regime, che però contribuisce a far crescere quel sentimento dilagante contro Renzi”.

“C’E’ UN PATTO TRA BERLUSCONI E RENZI”

“Chiaro- continua D’Alema- che con un sistema proporzionale, non credo il tedesco, ma quello della Consulta, non c’è un candidato premier da scegliere. Serve un leader unitario, non un candidato premier. Abbiamo anche un altro obiettivo: noi ci batteremo contro i capilista bloccati che loro vogliono introdurre anche al Senato”. Loro chi? Renzi e Berlusconi, ovvio”.

Per D’Alema “hanno un patto anche su questo. Oltre che per governare dopo. Il disegno di Berlusconi è di fare il governo con Renzi. Altrimenti non si spiegherebbe perché con questi sondaggi che danno in testa il centrodestra, Berlusconi continui a volere il proporzionale e non il maggioritario. La frattura tra lui e la Lega è profonda”.

“M5S LANCIANO MESSAGGI PER GOVERNO CON APPOGGIO ESTERNO LEGA”

“Salvini non mi meraviglia, la Lega ha una coloritura razzista ma assisto a uno slittamento a destra dei Cinquestelle. La mia impressione è che lancino messaggi per fare un governo con l’appoggio esterno della Lega. Anche questo- conclude D’Alema- per noi è un terreno di competizione: cosa faranno gli elettori di sinistra del M5s delusi?”.

14 luglio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram