Napoli, al via attività educative per bimbi da 0 a 6 anni - DIRE.it

Campania

Napoli, al via attività educative per bimbi da 0 a 6 anni

NAPOLI – Attivita’ educative per bambine e bambini tra 0 e 6 anni, servizi per le famiglie, sostegno alla genitorialita’: e’ NEST – Nido Educazione Servizi Territorio, progetto presentato oggi a Napoli, nella Sala Giunta di Palazzo San Giacomo.  Tre le azioni in campo per mettere in pratica accoglienza, inclusione e socialita’, tre impegni che rappresentano il cuore pulsante di un progetto nazionale che attiva un modello di intervento integrato nel capoluogo campano, a Bari, Roma e Milano rivolto a bambine e bambini tra 0 e 6 anni e alle loro famiglie. Con il lavoro di progettazione partecipata nelle quattro citta’ nasceranno altrettanti hub educativi che promuovono un’offerta integrata, moderna ed efficace. 

Nei suoi quattro centri, NEST va a rafforzare l’offerta di servizi socio-educativi presenti sul territorio promuovendo un’integrazione che coinvolge enti del terzo settore, amministrazioni locali, scuole e servizi gia’ attivi, oltre a rafforzare il ruolo educativo delle famiglie. Il progetto avra’ una durata triennale. Le attivita’ negli hub verranno avviate a partire dalla meta’ di giugno. L’ inaugurazione dell’hub di Napoli, capofila del progetto, si ci sara’ il prossimo 18 giugno negli spazi della scuola per l’infanzia Luigi Lezzi, in via Sant’Agostino degli Scalzi, nel quartiere Stella-San Carlo all’Arena. 

NEST vede Napoli capofila con l’associazione Pianoterra Onlus e coinvolge un partenariato di 21 soggetti tra cui Save the Children Italia Onlus e il Collegio Carlo Alberto di Torino. Le altre tre comunita’ educanti saranno nel quartiere Liberta’ di Bari (gestita dall’APS MamaHappy – Centro Servizi Famiglie Accoglienti), nel quartiere Tor Sapienza a Roma (gestita dalla Cooperativa Sociale Antropos Onlus) e nel quartiere Gallaratese a Milano (gestita dall’APS Mitades).

14 giugno 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»