Politica

Di Maio contro Minniti; Delrio: “110 mld in opere pubbliche”; Mori: “Riina non va scarcerato”


Ecco titoli e tg politico realizzato dall’agenzia DIRE

DI MAIO CONTRO MINNITI: NON NEGHI EMERGENZA MIGRANTI

E’ scontro tra il Movimento 5 stelle e il governo sull’accoglienza dei migranti a Roma. Luigi Di Maio attacca il ministro dell’Interno Marco Minniti: “C’è una seria emergenza migranti e’ il ministro ci deve dare una mano. Se sostiene il contrario, dice una cosa fuori dal mondo, lui, il Pd e il governo”, e’ la posizione dei Cinque Stelle. Le frizioni tra grillini e Viminale sono esplose dopo che la sindaca di Roma Virginia Raggi ha chiesto di fermare nuovi arrivi di migranti nella capitale. Per il ministero dell’Interno, invece, “anche Roma deve fare la sua parte”, preparandosi ad accogliere altri 2000 migranti entro la fine dell’anno.

META’ DEGLI STATALI E’ DONNA MA POCHISSIME AI VERTICI

Oltre la meta’ degli occupati nella Pubblica amministrazione e’ donna ma pochissime ricoprono posizioni di vertice. Lo segnala l’Istat. La presenza femminile è del 56% ma ai vertici le donne sono solo il 14,4%. A livello territoriale e’ la Sicilia ad avere il valore piu’ basso di donne dirigenti, quello piu’ alto in Emilia Romagna con il 21,2%. Complessivamente gli statali sono quasi 3,5 milioni, di cui oltre 450 mila precari.

DELRIO ANNUNCIA: 110 MILIARDI DI OPERE PUBBLICHE

Ammontano a 110 miliardi le risorse stanziate dal governo per le principali infrastrutture del Paese. Lo ha detto il ministro dei trasporti Graziano Delrio in occasione del congresso “Connettere l’Italia” alla Sapienza. L’obiettivo, ha detto il ministro, è un Paese che abbracci la mobilità veloce della Tav e la mobilità dolce delle ferrovie turistiche. Delrio e’ intervenuto anche sull’incidente di ieri nel Salento, dove lo scontro tra due convogli ha provocato 27 feriti. “La messa in sicurezza richiede tempo. Metà dei 250 milioni alla Puglia sono gia’ stati stanziati”. Intanto sono state ridotte le velocita’ di viaggio.

TOTO’ RIINA NON VA SCARCERATO, PARLA IL GENERALE MORI

Toto’ Riina non puo’ essere scarcerato, sarebbe un cedimento dello Stato. A dirlo e’ il generale dei carabinieri Mario Mori, gia’ comandante del Ros. “Si sono scritte troppe cose. Riina e’ un detenuto e ha diritto a essere trattato decentemente. Ma e’ un personaggio particolare. Non e’ possibile pensare a una sua scarcerazione nei termini che si leggono”, dice Mori. Se il boss di mafia sta male, “sara’ curato anche in ambienti extra carcerari, ma in altri ospedali e soprattutto non puo’ tornare in Sicilia. Questo sarebbe un cedimento dello Stato”, aggiunge.

SINODO GIOVANI, CARD. BALDISSERI: UN SITO PER COINVOLGERLI

La decisione della Segreteria Generale del Sinodo di aprire un sito internet e di proporre un questionario a tutti i giovani, nessuno escluso dice il card. Lorenzo Baldisseri, segretario generale del Sinodo dei Vescovi interpellato dall’agenzia Sir, risponde all’esigenza di coinvolgerli il più possibile nel cammino sinodale che la Chiesa sta percorrendo. Con il sito, da un lato si vogliono fornire degli strumenti che possano far sì che la loro partecipazione divenga sempre più consapevole e coinvolgente, dall’altro dare visibilità alle iniziative che li vedono protagonisti.

14 giugno 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»