Governo gialloverde, cosi' il contratto; Ambasciata a Gerusalemme, scontri al confine con Gaza

TG-Politico

Governo gialloverde, cosi’ il contratto; Ambasciata a Gerusalemme, scontri al confine con Gaza

GOVERNO GIALLOVERDE, COSI’ IL CONTRATTO

In attesa del nome che M5s e Lega consegneranno al Quirinale per le valutazioni del presidente Sergio Mattarella, va definendosi il programma del possibile governo giallo-verde. Architrave della proposta fiscale sara’ la flat tax, con due aliquote. Previsto anche il reddito di cittadinanza, 780 euro al mese per chi ha perso il lavoro. Diminuzione delle sanzioni contro la Russia e ricollocamento obbligatorio dei richiedenti asilo nei paesi dell’Unione, i capisaldi della politica estera. Intanto Fratelli d’Italia non parteciperanno a un esecutivo a guida M5s. “Salvini ci ripensi”, dice Giorgia Meloni.

AMBASCIATA A GERUSALEMME, SCONTRI AL CONFINE CON GAZA

Scontri a Gaza e in Cisgiordania in occasione dell’inaugurazione dell’ambasciata americana che viene trasferita da Tel Aviv a Gerusalemme. Migliaia di palestinesi si sono radunati alla frontiera e gli scontri con l’esercito dello Stato ebraico hanno fatto registrare centinaia di feriti, oltre a numerosi morti. “Un grande giorno per Israele”, ha twittato il presidente Donald Trump che è rimasto a Washington mentre ad accompagnare i diplomatici americani ci sono la figlia Ivanka Trump e il marito Jared Kushner.

CONGRESSO O ASSEMBLEA? PD DIVISO

Maurizio Martina vuole il mandato pieno in assemblea. I renziani, con Ettore Rosato, gli rispondono con la richiesta di un congresso in tempi brevi. Reduce dalla brutta sconfitta alle elezioni, il Partito democratico non trova pace e si divide anche sugli sviluppi futuri. In vista dell’assemblea di sabato Martina chiama all’impegno di tutti “per ricostruire un’alternativa al futuro governo Lega-Cinque Stelle”. Scendono in campo anche i Giovani Democratici, che lanciano un appello per un rinnovamento dal basso. “Primavera democratica”, questo il nome dell’iniziativa, dovra’ cambiare anche l’organizzazione della base giovanile.

INCIDENTI SUL LAVORO, VESCOVO DI PADOVA CHIEDE SICUREZZA

Una preghiera corale da tenere domani perchè il lavoro sia sicuro per tutti, libero, partecipativo e solidale. E’ l’invito che monsignor Claudio Cipolla, vescovo di Padova, ha rivolto alle comunità cristiane dopo l’incidente alle Acciaierie Venete. La sicurezza sui luoghi di lavoro resta una priorità; le aziende – spiega il vescovo- devono essere vigili e aiutare i lavoratori a custodire la propria incolumità.

AIUTARE AMATRICE E ACCUMOLI A PARTIRE DAI PRODOTTI TIPICI

Un rete per diffondere i prodotti tipici di Accumoli e Amatrice, un modo diverso di aiutare le popolazioni colpite dal terremoto. Al via il progetto della Regione Lazio con il supporto del consorzio di aziende Bioroma. “Dobbiamo fare rete e rinnovare il nome di Amatrice tra i ristoranti romani”, dice il sindaco della cittadina laziale Filippo Palombini.
14 maggio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»