Costume e Società

Russell Crowe il 6 giugno a Roma per ‘Il Gladiatore in concerto al Colosseo’

ROMA – Russell Crowe tornerà a calcare l’arena del Colosseo. Al netto di sorprese finali, il premio Oscar arriverà all’Anfiteatro Flavio il 6 giugno per assistere alla proiezione del suo ‘Gladiatore’, accompagnata dall‘Orchestra italiana del cinema. La serata charity a favore del programma End Polio now anticipa i due show in programma al Circo Massimo l’8 e 9 giugno ed è organizzata dall’Orchestra e CineConcerts con il Parco archeologico del Colosseo, in collaborazione con il Rotary international. Tra i 300 e i 350 i posti disponibili, con una quota di partecipazione che va dai 1.500 ai 3.000 euro, ma i proventi saranno poi triplicati dalla fondazione di Bill Gates che da anni sostiene la lotta alla Poliomielite. Anche il Colosseo avrà la sua parte con cui verrà realizzato un ascensore, con un costo di 200 mila euro e un tempo di realizzazione stimato a giugno 2019, per portare le persone con disabilità fino al terzo piano del monumento.

A dare la notizia della presenza di Russell Crowe, “certa al 99%”, è il presidente dell’Orchestra italiana per il cinema e Ceo di Forum music village, Marco Patrignani: “Sono in contatto con lui da tre giorni, sono anni che sogno di coinvolgerlo in questa iniziativa. Per scaramanzia non do la sua presenza come sicura al 100%, ma al 99%, lasciando questo margine per i suoi impegni professionali. Ma lui ha espresso la sua volontà di partecipare qui al Colosseo e anche alle repliche al Circo Massimo”.

Insieme al mitico interprete del ‘Gladiatore’, Patrignani sogna anche un altro gladiatore di Roma, Francesco Totti. “L’ho ovviamente invitato, ma so che in quei giorni dovrebbe essere in Cina. Se non fosse così, sono felicissimo di rinnovare l’invito”.

Leggi anche

Roma, al Circo Massimo ‘Il gladiatore in concerto’

Ti potrebbe interessare:

14 maggio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»