Cultura

Roma, il 19 maggio ‘Concerto al buio’ di pianoforte e violino

ROMA – Sarà l’antica Basilica di San Crisogono di Roma a spegnersi interamente il prossimo sabato, 19 maggio, per lasciare spazio al suono del violino di Edo Notarloberti e del piano di Martina Mollo nel ‘Concerto al buio’. I due artisti si esibiranno nella completa assenza di luce, replicando l’evento musicale che – già nelle precedenti edizioni da tutto esaurito tra la Campania e il Lazio – ha fatto registrare oltre 2.500 spettatori. Il ‘Concerto’, organizzato da Local Emotions, torna a grande richiesta nella Capitale, dopo aver emozionato gli spettatori nella medesima Basilica lo scorso 7 aprile. Una morbida luce accoglierà i visitatori all’interno dell’antico edificio romano del 499 d.C.; le luci poi caleranno fino a raggiungere il buio più totale. La capacità comunicativa della musica, unita al viaggio sensoriale all’interno della totale assenza di luce, fanno del ‘Concerto al buio’ un evento unico e imperdibile. La maggioranza degli spettatori che hanno già ascoltato Notarloberti e la Mollo esibirsi al buio ha commentato, anche sui social, di aver vissuto emozioni straordinarie.
Vista l’affluenza ai ‘Concerti’, tra questo e il prossimo mese gli appuntamenti proseguiranno secondo il seguente calendario: Roma, Basilica di San Crisogono il 19 maggio; Napoli, Galleria Borbonica il 26 maggio e 10 giugno; Amalfi, Antico Arsenale il 3 giugno. “Credo che il successo del ‘Concerto al buio’ sia da attribuire non solo alla grande bravura dei musicisti ma anche al fatto che il pubblico, in queste particolari condizione di ascolto, vive una vera esperienza interiore che lo porta a provare emozioni totalmente nuove– ha affermato Andrea Cinosi, ad di Local Emotions– A testimoniarlo anche i commenti entusiasti degli spettatori alla fine del ‘Concerto'”.

Leggi anche

Venditti “sotto il segno dei pesci”, in concerto il 23 settembre all’Arena di Verona

Pino Daniele, il 7 giugno al San Paolo tante star per il concerto-omaggio

 

Ti potrebbe interessare:

14 maggio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»