Mondo

Siria. Raid Usa, Uk e Francia su Damasco e Homs. Russia: “Ci saranno conseguenze”

ROMA – “Distruggere le capacita’ del regime siriano di utilizzare armi chimiche”: questa la motivazione addotta da Donald Trump per i bombardamenti condotti nella notte da Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia contro obiettivi del governo di Bashar Assad nell’area di Damasco e Homs.

Pochi minuti dopo le tre ora di Damasco, la tv nazionale e giornalisti accreditati in Siria hanno confermato che gli attacchi erano in corso e che alcune esplosioni si erano sentite anche nei dintorni della capitale.

Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna avrebbero utilizzato soprattutto missili da crociera, lanciati da unita’ navali oppure da sommergili. Secondo Washington, a essere colpiti sarebbero stati un centro di ricerca, un sito di stoccaggio per armi chimiche a Homs e un posto di comando.

Il governo francese ha mostrato sui suoi account Twitter aerei Rafale in decollo, mentre quattro Tornado britannici partiti sembrerebbe dalla base cipriota di Akrotiri hanno condotto l’operazione contro una installazione vicino Homs.
Secondo l’ambasciatore russo presso le Nazioni Unite, Anatolij Antonov, “gli attacchi avranno conseguenze”.

14 aprile 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»