Lavoro, Panariti: “Più occupazione con dialogo università-aziende”

PANARITITRIESTE – “Imprese e Università sono impegnate a progettare assieme corsi di studio e stage formativi: la Regione sostiene questo sforzo e vuole fare la sua parte per rendere questa collaborazione ancora più proficua“. Lo ha detto l’assessore regionale al Lavoro, alla Formazione, alla Ricerca e all’Università, Loredana Panariti, intervenendo a Trieste all’odierna apertura della settima edizione di “[email protected]”, la manifestazione organizzata dall’Ateneo triestino per favorire l’incontro diretto tra imprese e neolaureati o laureandi.
“Un’opportunità importante”, l’ha definita Panariti ricordando come in una situazione economica non favorevole, in Friuli Venezia Giulia si registrano dati confortanti. “C’è richiesta per le professioni qualificate – ha ricordato l’assessore – e l’Amministrazione regionale con un finanziamento di oltre 2.000.000 di euro ha ulteriormente rafforzato gli incentivi per l’assunzione degli under 29″. Inoltre, ha aggiunto Panariti, la Regione tramite il Fondo sociale europeo ha promosso i corsi di formazione per rafforzare quelle capacità che sono attualmente maggiormente richieste nelle aziende.
L’importanza del dialogo con il mondo dell’Impresa è stata sottolineata anche dal rettore dell’Università di Trieste Maurizio Fermeglia che nel suo intervento ha ricordato una recente indagine di Almalaurea, secondo la quale l’Ateneo triestino è tra i primi posti come tasso di occupazione a tre anni dalla laurea.
Parlando di “[email protected]”, invece, il rettore ha ricordato che la manifestazione cresce ad ogni edizione. Oggi, per tutto il giorno, saranno più di mille gli studenti che visiteranno i banchetti e gli stand delle quasi 50 aziende partecipanti al “Career day”. Tredici imprese, inoltre, propongono delle presentazioni della durata di mezz’ora per far capire agli studenti le modalità con le quali i datori di lavoro entrano in contatto con i potenziali candidati e i processi di selezione che vengono maggiormente utilizzati.

14 Aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»