San Marino

La neo ambasciatrice in Vaticano incontra il Papa

SAN MARINO – Il nuovo ambasciatore della Repubblica di San Marino in Vaticano si è presentato a Papa Francesco. Oggi infatti si è tenuta in Vaticano la cerimonia di presentazione delle Lettere Credenziali della neo ambasciatrice in Santa Sede, Maria Alessandra Albertini. Come spiega una nota della segreteria di Stato Affari esteri, la diplomatica, accompagnata dai familiari più stretti, ha incontrato il Santo Padre nella sua Biblioteca privata. Nelle sue mani ha consegnato le lettere a firma dei Capitani Reggenti, Gian Nicola Berti e Massimo Andrea Ugolini, con cui i Capi di Stato manifestano la decisione di accreditare il rappresentante diplomatico sammarinese, “nel desiderio di rafforzare i già ottimi rapporti di amicizia fra i due Paesi e intensificare la collaborazione”.

papa francescoLa nota istituzionale spiega poi che Papa Bergoglio ha riservato un’accoglienza paterna e un colloquio intenso” all’Ambasciatore, che nell’occasione “ha voluto rappresentare l’ammirazione e l’abbraccio fraterno delle istituzioni e del Popolo sammarinesi al Pontefice”. Da parte sua, Papa Francesco ha avuto parole di elogio per San Marino, assicurano da Palazzo Begni, inoltre si è mostrato particolarmente interessato alla condizione sociale dei giovani sammarinesi, ai quali ha rivolto parole di speranza e fiducia per il futuro.

Infine, in prima di congedarsi, il neoambasciatore ha invitato il Santo Padre a salire presto in Repubblica. Albertini succede nell’incarico a Clelio Galassi già ambasciatore in Santa Sede fino all’ottobre 2015. Il 15 marzo scorso il congresso di Stato ha nominato Albertini. Il neoambasciatore è agente diplomatico di carriera dal 1993; dal 1989 esercita la propria attività presso il Dipartimento Affari esteri e dall’agosto 2014 è direttore degli Affari Giuridici, con il grado di ministro plenipotenziario.

14 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»