AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE lazio

Confcommercio: “A Ostia percezione dell’usura schizza al +32,5%”

usuraROMA – “Dalle indagini che abbiamo condotto sull’usura a Ostia è risultata un’incidenza aumentata di questo fenomeno”. A dirlo è Rosario Cerra, presidente della Confcommercio Roma, a margine dell’iniziativa ‘Disegna la legalità’, il concorso promosso e organizzato dalla Confcommercio e rivolto ai licei artistici della Capitale.

Secondo l’ultima indagine della Confcommercio, a Ostia lo strozzinaggio nella valutazione dei commercianti intervistati risulta in aumento del 32,5%. “Quello che dobbiamo capire è quanto l’usura sia un problema anche a Roma. L’impressione è che sia un problema serio che è stato sottovalutato, e su cui dobbiamo lavorare sia per la comprensione del fenomeno- ha aggiunto Cerra- sia per affrontare questo problema, sapendo che esiste una legge nazionale molto importante che aiuta anche finanziariamente chi è all’interno di questo muro dell’usura. E questo bisogna saperlo: ci sono soldi nazionali che aiutano a uscire dall’usura. Ovviamente, il percorso passa in prima battuta attraverso la consapevolezza di essere entrati nel tunnel, poi il passaggio è la libertà da quel tunnel”.

Attraverso il concorso, Confcommercio ha chiesto agli studenti di raccontare a fumetti la storia di Simone, nome di fantasia di un commerciante romano caduto nel vortice dell’usura e uscito grazie alle associazioni antiusura. Oggi, in occasione della premiazione degli alunni, c’era anche lui. La sua presenza è stata accolta da un applauso e, davanti alla platea di ragazzi, Simone ha raccontato la sua storia. Lui, sposato e con tre figli, aveva “un’attivita’ di videogame e poi anche un pub- ha raccontato- Oggi non ho più nulla, ma ho incontrato delle persone che mi hanno aiutato a uscire da questo tunnel. Non è stato facile- ha detto piangendo- Fino al 2005 stavo bene, avevo una posizione agiata, lavoravo e giravano i soldi. Poi qualcosa ha iniziato a non funzionare, sono diminuite le vendite e ho chiesto alla mia banca di finanziarmi per far fronte ai pagamenti. Ma le banche mi hanno portato alla rovina, mi hanno chiusi i conti e i fidi. Non sapevo a chi rivolgermi e ho iniziato a farmi prestare i soldi dai ‘cravattari’. E da lì è iniziato l’incubo. Mi chiedevano interessi altissimi, anche del 150% l’anno. Pagare diventava una corsa contro il tempo”.

Poi, il messaggio ai ragazzi: “Bisogna affidarsi alle associazioni, che mi hanno aiutato anche economicamente. Le persone che stanno dietro all’usura sono legata alla malavita. E a Roma nelle borgate 9 negozianti su 10 sono vittime di usura. Ma per paura non denunciano. Avevo paura anche io, e prima di arrivare a questo e’ stata dura. Ma ho denunciato e i miei usurai sono stati arrestati. Oggi sono felice di dare questa testimonianza- ha detto ai ragazzi- perché anche voi possiate riflettere. Attenzione ragazzi”.

14 aprile 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988