Al via ‘Libri Come’ in 10 biblioteche di Roma

È iniziata con un'inaugurazione diffusa in dieci biblioteche di Roma, dal centro alla periferia, la decima edizione di 'Libri Come'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – E’ iniziata con un’inaugurazione diffusa in dieci biblioteche di Roma, dal centro alla periferia, la decima edizione di ‘Libri Come’, la festa del libro e della lettura curata da Marino Sinibaldi, Michele De Mieri e Rosa Polacco e prodotta dalla Fondazione Musica per Roma. Il tema scelto per questa edizione è ‘Libertà’, una parola politica ma anche poetica, che sarà declinata in maniera differente dagli scrittori, dai docenti, dai giornalisti e filosofi che interverranno fino a domenica.

L’inaugurazione questa sera nelle biblioteche con la presentazione di libri di scrittori del calibro di Amanda Craig, Roberto Costantini, Cinzia Leone, Michela Marzano, Enrico Palandri, Maria Francesca Venturo, Viola Di Grado, Goffredo Buccini ed Enrico Castelli. “Siamo felici di inaugurare anche quest’anno la decima edizione nelle biblioteche di Roma- ha detto Sinibaldi- Tutte risultano piene in questo momento: ne siamo felici, perché la risposta del pubblico è importante”. 

Da domani, poi, si tornerà all’Auditorium Parco della Musica che fino a domenica ospiterà oltre cento incontri. Tra gli ospiti internazionali sono attesi gli spagnoli Clara Uson, Javier Cercas e Manuel Vilas, l’anglo canadese Rachel Cusk, l’ungherese Agnes Heller, l’olandese Kader Abdolah e due grandi autori della letteratura statunitense: Peter Cameron e Andre Dubus III. Come al solito nutrita la pattuglia di scrittori italiani, tra i quali Edoardo Albinati, Niccolo’ Ammaniti, Gianrico Carofiglio, Mauro Covacich, Nicola Lagioia, Marco Missiroli, Giacomo Papi, Sandro Veronesi e Simona Vinci.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

14 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»