VIDEO | Con Noemi un “X Factor” contro il cancro al seno metastatico

Riparte oggi da Milano la campagna “Voltati. Guarda. Ascolta. Le donne con tumore al seno metastatico”. Testimonial la cantante Noemi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Riparte oggi da Milano la campagna “Voltati. Guarda. Ascolta. Le donne con tumore al seno metastatico” con la partecipazione della cantante Noemi come testimonial, promossa per il terzo anno da Pfizer con il patrocinio di Fondazione Aiom e in collaborazione con Europa Donna Italia e Susan G. Komen Italia. Quest’anno la campagna include il contest musicale online, “Play! Storie che cantano”: da oggi fino al 30 giugno artisti affermati o emergenti potranno candidarsi sul sito www.voltatiguardaascolta.it con un brano musicale ispirato alle storie delle pazienti raccolte nel corso delle campagne 2017 e 2018 contro la malattia.

“Mi sono resa conto che la musica è in grado di raccontare le storie di queste coraggiosissime donne, e allo stesso tempo fortificarle”, racconta la star del pop italiano, oggi presente a Villa Necchi Campiglio a Milano, per il lancio della campagna. “Vedere le loro esperienze in musica le renderà orgogliose e darà loro la forza necessaria- aggiunge Noemi- mi auguro con tutta me stessa che gli artisti possano cogliere tutte le sfumature che emergono dai racconti delle pazienti. Li sentiremo, capiremo chi sarà più adatto, e porteremo alla finale chi secondo noi ha scritto meglio”. In ottobre si terrà l’evento Live!, concerto gratuito aperto al pubblico, con la partecipazione di Noemi, dedicato alla presentazione dei cinque brani finalisti e alla proclamazione del vincitore, che sarà selezionato da una giuria tecnica e dalle pazienti.

LA CAMPAGNA

Obiettivo della campagna di Europa Donna Italia è rompere il silenzio che circonda il tumore al seno metastatico, ribadire l’importanza di garantire a tutte le pazienti il diritto alla migliore qualità di vita possibile e favorire l’accesso alle migliori terapie innovative oggi disponibili. Parallelamente al contest, da marzo a luglio l’installazione La Folla Immobile, simbolo della campagna, sarà ancora protagonista degli eventi che porteranno le storie delle pazienti in tre città: Cagliari, Palermo e Perugia.

“Voltati. Guarda. Ascolta”. parteciperà anche quest’anno con un proprio stand al villaggio della Race for The Cure a Roma e nell’ambito dell’iniziativa Carovana della Prevenzione. In Italia si presume siano circa 37.000 le donne con tumore al seno in forma avanzata o metastatica, caratterizzata dalla diffusione del tumore dal seno ad altre zone del corpo, come ossa, fegato, polmone o cervello. Circa il 5-10% degli oltre 50.000 nuovi casi annui di tumore al seno si presenta metastatico alla diagnosi; ma circa il 30% delle donne con diagnosi iniziale di tumore al seno in stadio precoce potrà sviluppare un tumore al seno metastatico nella sua vita. Le terapie mirate di ultima generazione sono oggi in grado di bloccare o rallentare la progressione della malattia garantendo al contempo una buona qualità di vita.

“Il tumore al seno metastatico, pur rappresentando meno del 10% dei tumori mammari, è una realtà che richiede la massima attenzione e il massimo impegno- dichiara Rosanna D’Antona, presidente Europa Donna Italia– e iniziative come la Race for the Cure e la Carovana della Prevenzione ci permettono di sensibilizzare un pubblico sempre più ampio anche su questo tema. Per questo, per il secondo anno consecutivo, abbiamo aderito a questo importante progetto per contribuire ad abbattere il muro di silenzio che circonda le donne che convivono con il tumore metastatico, ospitando ancora una volta l’iniziativa “Voltati, Guarda, Ascolta nel Villaggio Race al Circo Massimo, in occasione del ventennale della manifestazione”.

TUMORE AL SENO METASTATICO, NOEMI: INCLUSIONE È CURA

“La malattia fa paura e spesso sono gli altri che tendono a isolare chi è malato, perché non vogliamo pensare a certe realtà, non vogliamo confrontarci con certe riflessioni che si possono fare, come nel caso di questa malattia: il tumore al seno metastatico”, spiega la cantante pop Noemi.

“Quando si vive la malattia non bisogna isolarsi”, dice ancora Noemi, pseudonimo di Veronica Scopelliti, nata a Roma 37 anni fa e divenuta famosa con la partecipazione a cinque festival di Sanremo e al talent show X Factor, ai quali sono seguiti successi discografici e importanti premi musicali. Per Noemi la musica può essere parte della cura, perché, evidenzia, “la musica utilizza un linguaggio che è quello del suono, a parte quello di voce e parole, che è molto diretto e che ci colpisce dritto al cuore e a volte riesce a sanare anche dei vuoti che magari in altri modi non saremmo capaci di fare. Io personalmente quando ero più piccola, ma anche adesso, nei momenti più importanti c’era e c’è sempre la musica che in qualche modo mi aiuta”.

EUROPA DONNA ITALIA: CHI HA TUMORE SENO MERITA PRIVILEGI

In video l’intervento di Rosanna D’Antona, presidente Europa Donna Italia, nel giorno del lancio della nuova campagna “Voltati. Guarda. Ascolta. Le donne con tumore al seno metastatico”, finalizzata al sostegno e al reinserimento, nella comunità e lavorativo, delle pazienti.

di Francesca Morandi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

14 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»