Studenti ricordano Marielle Franco con l’ambasciatore del Brasile

Un anno fa nel quartiere Lapa di Rio de Janeiro, moriva Marielle Franco in un agguato politico considerato una vera e propria esecuzione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’ingiustizia in qualsiasi luogo è una minaccia alla giustizia ovunque”. Lo diceva Martin Luther King e lo ripete oggi, a Roma, l’ambasciatore brasiliano ai ragazzi che questa mattina sono stati ricevuti a Palazzo Pamphilj per ricordare la morte di Marielle Franco, uccisa la sera del 14 marzo 2018 nel quartiere Lapa di Rio de Janeiro, in un agguato politico considerato una vera e propria esecuzione.

LEGGI ANCHE Marielle Franco, “un testamento di speranza”

Oggi, a un anno dalla sua scomparsa, il grido di ‘Marielle Presente’ ha coinvolto migliaia di studenti di tutta Italia che, coordinati da Amnesty International, hanno scritto messaggi e firmato una petizione per chiedere giustizia sulla sua morte.

Duemila stelle disegnate dai ragazzi e quasi 60mila messaggi raccolti in tutta Italia. Una testimonianza importante che è stata consegnata all’ambasciatore Antonio de Aguiar Patriota, che ha incontrato privatamente una delegazione di studenti dei licei Aristofane e Orazio di Roma.

“Questa settimana è stata importante perché abbiamo trovato i due responsabili materiali della morte di Marielle e del suo autista, ma ancora non sono chiari i mandanti- ha detto l’ambasciatore ai ragazzi- la sua morte è stata una barbarie che può essere considerata un golpe allo stato democratico di diritto”.

Martedì, infatti, la Procura della Repubblica di Rio tramite un gruppo speciale e la polizia civile hanno arrestato due persone denunciate per l’omicidio di Marielle e del tentativo di omicidio della terza persona che era con loro, rimasta ferita. Un crimine, secondo le indagini, che è stato meticolosamente organizzato nei tre mesi precedenti l’agguato.

“Per me era molto importante essere qui perché una persona è stata uccisa violando i diritti umani, e oggi mi sono sentita utile- dice Laura, che con gli altri studenti ha partecipato all’incontro con l’ambasciatore- è stata un’emozione unica anche perché incontrare un ambasciatore fa un certo effetto”.

Antonio de Aguiar Patriota ha risposto alle curiosità dei ragazzi e ha ricordato anche la vittoria del Carnevale di Rio, quest’anno conquistata proprio da un carro dedicato all’attivista umanitaria Marielle Franco, sul quale erano presenti anche la sorella dell’attivista, Anielle, la sua compagna e alcuni dei suoi più cari amici.

“In questi casi- ha proseguito l’ambasciatore – il nostro ruolo può essere solo quello di essere disponibili per chi cerca informazioni, fare indagini e mantenere contatti con governo, società italiana e giovani. Nel mondo ci sono tante Marielle e spero che nelle vostre carriere possiate continuare a lottare per questi valori umani. La società civile e voi giovani avete un ruolo molto importante”.

di Chiara Adinolfi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

14 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»