Roma criminale, online la webserie 'Domicilio coatto' - DIRE.it

Lazio

Roma criminale, online la webserie ‘Domicilio coatto’

ROMA  – Nella Roma di Mafia Capitale e dei nuovi re sta per fare il suo ritorno il boss dei coatti. Rocco Gagliardi sta per uscire di carcere e dopo un anno passato dietro le sbarre adesso lo attendono gli arresti domiciliari, dove ad aspettarlo non ci sono solo moglie e figlia, ma anche la sua famiglia criminale, i sodali che lo aspettavano per iniziare nuovamente a lavorare. E sarà proprio il ritorno a casa di Rocco l’inizio della nuova web serie ‘Domicilio coatto’ che uscirà ogni lunedì sulla pagina Facebook e sul canale YouTube.

Una prima puntata da ventiquattro minuti e cinque episodi a seguire da dodici minuti ciascuno per un appuntamento da non perdere.

Guarda la prima puntata

‘Domicilio coatto’ è una web serie diretta da Andrea Cima e Ludovica Ortame, con un cast selezionato dopo vari provini composto prevalentemente da attori professionisti come: Leonardo Sbragia, Federica Lenzi, Chiara David, Giorgio Gambadoro, Flavio Domenici, Marco Giandomenico, Jacõb Marshfield, Elio Pagano, Marco Fortunato Iannaccone, Paolo Ricci, Simone Stamigna e Daniele Ponzo.

Quasi sei mesi fra scrittura del soggetto, della sceneggiatura, riprese e montaggio, una produzione low budget che ha saputo comunque far fronte a tutti i costi, anche con qualche piccolo escamotage come ci racconta Susanna Vicentini (vedi video). Dalle anticipazione che diregiovani.it ha avuto possiamo già dirvi che nonostante la serie tratti di Roma e della romanità, la capitale non si vede spesso e se dovessimo scegliere un luogo principe di ‘Domicilio coatto’ non potrebbe che essere casa Gagliardi, testimone della quotidiana follia delle due famiglie di cui Rocco è pater familias e punto di congiunzione. Durante la settimana vi terremo aggiornati e vi daremo qualche piccola anticipazione e curiosità. Stay tuned, stay coatto.

14 marzo 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»