Roma, alla palestra della ‘Morante’ arriva il tetto fotovoltaico

palestra moranteROMA  – Con un investimento di 485 mila euro, la Regione Lazio ha finanziato i lavori di efficientamento energetico della palestra dell’I.C. Elsa Morante (ex Cattaneo) in via Zabaglia a Roma, che permetteranno di risparmiare 38mila euro l’anno di energia con una riduzione di emissioni di Co2 di 11,5 tonnellate. Inoltre da ora la palestra e’ anche un centro sportivo municipale, aperto mattina e pomeriggio e a disposizione dei cittadini. A presentare i lavori e’ stato il presidente della Regione Nicola Zingaretti, assieme al presidente del Municipio I Sabrina Alfonsi. Gli interventi alla palestra hanno previsto l’installazione di un impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica. Sulla copertura della struttura è stato installato un impianto solare termico che produrrà acqua calda per gli spogliatoi. Sono stati sostituiti gli infissi di vecchia generazione con dei nuovi e sono state applicate delle lastre impermeabili di polistirene sia sulle pareti che sulla copertura, il tutto per evitare le dispersioni termiche e mantenere quindi il calore all’interno della palestra.

Si è provveduto all’installazione di un impianto per il riscaldamento del pavimento con materiali specifici per le strutture sportive. È stato sostituito l’impianto di riscaldamento e climatizzazione con una pompa di calore ad alto rendimento con funzione di riscaldamento invernale, climatizzazione estiva e produzione di acqua calda con conseguente eliminazione della caldaia a gas.

Quello alla palestra, rientra tra i 155 interventi finanziati sul territorio regionale (19 a Roma Capitale) con il bando sull’efficientamento energetico per gli edifici pubblici grazie al recupero dei fondi Por Fesr 2007-2013, con un investimento totale di 51,3 milioni di euro da parte della Regione Lazio.

di Flavio Sanvoisin, giornalista

14 Marzo 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»