Sporcizia e abbandono a Roma: dopo le fiamme del 2016 ecco l'Auditorium di Via della Pineta Sacchetti

Lazio

Sporcizia e abbandono a Roma: dopo le fiamme del 2016 ecco l’Auditorium di Via della Pineta Sacchetti

ROMA – Correva l’anno 2016. Per l’esattezza era il 30 novembre quando il tetto dell’auditorium Albergotti tra via della Pineta Sacchetti e circonvallazione Clodia fu avvolto dalle fiamme mentre erano in corso lavori di ristrutturazione. Le fiamme, causate a quanto pare da un errore umano, distrussero il palazzetto realizzato nel 2003 ma mai inaugurato. Da allora, è passato quasi un anno e mezzo e il ‘cadavere’ della struttura – sprovvista anche dei requisiti antincendio – rimane lì, senza l’ombra di un cantiere che ne preveda una risistemazione o, in extrema ratio, una demolizione. L’area, probabilmente preda di bivacco, è circondata da transenne dove non è indicata una data di inizio lavori. Inoltre, all’interno di queste, sporcizia, rifiuti e bottiglie di vetro. 

L’auditorium inizialmente destinato ad essere un polo culturale costò circa 2 milioni di euro 

L’auditorium inizialmente destinato ad essere un polo culturale da circa 300 posti per concerti, spettacoli teatrali con un giardino aperto ai cittadini, costò circa 2 milioni di euro ed è rimasto per 13 anni una cattedrale nel deserto. Prima del rovinoso incendio, l’obiettivo dell’amministrazione era quello di riqualificarlo per consegnarlo ai cittadini entro il 2017.

14 febbraio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»