Camper, tenda, bici o kayak, a Parma apre il salone del turismo outdoor

Camper, campeggio, cicloturismo. E ancora: trekking, mountain bike, golf, kayak, wakeboard o arrampicata. Sempre di più prende quota il turismo ‘sportivo’ o cosiddetto ‘attivo’, e tra l’altro spesso è pluri-esperienziale multidisciplinare: i turisti di oggi (stranieri ma anche italiani) cercano una meta mai scontata, partono con attrezzature tecniche all’avanguardia e vogliono un’esperienza di viaggio che sia una sfida per corpo e mente. E’ anche per questo che nasce il T&O – Festival Turismo e Outdoor, che domani apre i battenti a Fiere Parma.

La manifestazione, realizzata in collaborazione con Apc (Associazione Produttori Caravan e Camper) ospita anche il Bike Spring Festival (16-18 febbraio) e il Parma Golf Show (17-19 febbraio). In tanti, prima di partire, vorrebbero poter toccare con mano e ‘testare’ le attrezzature e le diverse possibilità tra cui scegliere. E questo non sempre si può fare. A Parma sarà possibile, basta pensare che il salone – con i suoi 100 mila metri quadrati– avrà aree test specifiche per walking, climbing, una vasca oversize per canoa e kayak, percorsi attrezzati per provare direttamente materiali da arrampicata, tende, camper ma anche materiali tecnici e mazze da golf. In esposizione oltre 200 aziende, che mettono sul mercato attrezzature performanti per accontentare turisti.

Qualche dato

Nel 2016, 528 mila stranieri hanno raggiunto il nostro Paese avendo come motivazione principale della vacanza, la pratica di uno sport, generando 2,8 milioni di pernottamenti e una spesa di 271 milioni di euro. Secondo l’Istat, però, è ‘attivo’ o meglio sportivo il 4,7% dei viaggi effettuati dagli Italiani sempre nel corso dello stesso anno. Anche il viaggio in camper, poi, piace sempre più: nel 2017 si registra un +19,5% di immatricolazioni.

A Parma i saloni su camper, cicloturismo e golf non sono una novità. Ma la kermesse di quest’anno è ben diversa, perchè si ripromette di andare incontro a bisogni e desideri che arrivano direttamente dalle community dei turisti sportivi. “Abbiamo notato in particolare- spiega Antonio Cellie, amministratore delegato di Fiere di Parma. che emerge forte l’esigenza di avere un posto dove provare di persona mezzi e attrezzature prima di decidere o meno l’acquisto, perché non sempre si possono testare tutti i prodotti soprattutto se l’acquisto, come accade sempre più spesso”. E il confronto diretto con i consumatori, per produttori e operatori turistici, “è stimolante, faticoso ma secondo noi inevitabile”, prosegue Cellie, ricordando le esperienze del salone del camper di settembre, dove dai 150 mila appassionati arrivano anche “indicazioni preziose ai costruttori”, o con il Salone del Golf che va avanti da quattro anni.

Un maxi anello per testare Mtb e e-bike

A T&O il pubblico troverà il più grande anello indoor in Italia (700 metri) per gare di Mtb e di e-bike, su cui sarà possibile testare i numerosi modelli ipertecnologici come la Wi-Bike di Piaggio oppure quelli super-ricercati (Cipollini, Merida o Fantic). Al salone di Parma non mancheranno proposte per gli appassionati del “turismo del gusto“, e altre offerte culturali e green come la Via del Sale dei monaci cistercensi di Chiaravalle, che attraversa la riserva naturale del parco dello Stirone e del Piacenziano e il castello di Castelnuovo Fogliani; o ancora Hiking Europe, una rete di 1.170 chilometri di trekking che si dipana tra Italia (Emilia Romagna), Spagna, Croazia e Irlanda; o infine gli itinerari di Piero della Francesca e Dante fino a quelli nelle terre verdiane. 

Spazio anche agli scrittori di viaggio

Ci sarà anche un angolo dedicato al ‘racconto di viaggio’, uno spazio (nel padiglione 6 alla Travel Arena dal 15 al 18 febbraio) che il salone T&O ha deciso di regalare agli scrittori che hanno messo su carta viaggi veri. Si va dal mito della montagna e delle Dolomiti raccontato dallo scrittore Paolo Martini e l’albergatore Michil Costa, a quello del Parco nazionale dell’Appenino tosco-emiliano presentato dall’autrice dell’omonima guida Chiara Dazzi, fino ad arrivare alla natura selvaggia protagonista de corti del Trento Film Festival curato dal Cai Parma. Spazio anche alla fotografia, con gli scatti in bianco e nero di Alberto Bregani, alla parola dello scrittore Fulvio Ervas e Paolo Morelli appassionato di filosofia della montagna, alla geofantasia di Gianluca Caporaso per i suoi viaggi immaginari o alle leggende narrate da Mario Ferraguti.

Non mancheranno, infine, una serie di talk più ‘tecnici’ (nella Techncal Arena sempre al padiglione 6) su sport in salute, sicurezza in montagna, professione Guida Alpina, mappa dei beni storici e architettonici dell’Appennino parmense. Gli interventi sono curati dal Cai, dal collegio nazionale Guide alpine italiane, dal Comune di Parma e dal liceo sportivo Bertolucci. Al palinsesto si aggiunge il reading- concerto di Giorgia Bartoli e Andrea Dardari sulle pagine del libro di John Krakauer “Nelle terre selvagge”. Il salone T&O, Turismo e Outdoor chiude domenica 18 febbraio.

14 Febbraio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»