Amatrice, Crimi: “Accelerare ricostruzione, contributi per chi investe”

Il sottosegretario alla Ricostruzione, Vito Crimi, in occasione delle due riunioni operative ad Amatrice alla presenza del commissario alla Ricostruzione, Piero Farabollini, e del sindaco di Amatrice, Filippo Palombini

AMATRICE – “Dobbiamo accelerare sulla ricostruzione, in particolare quella privata, che sconta la necessità di creare degli aggregati di case e di abitazioni che devono essere ricostruite tutte insieme. Queste procedure vanno accelerate”. Così il sottosegretario alla Ricostruzione, Vito Crimi, in occasione delle due riunioni operative ad Amatrice alla presenza del commissario alla Ricostruzione, Piero Farabollini, e del sindaco di Amatrice, Filippo Palombini, la prima sul potenziamento del Pass (Presidio assistenza socio-sanitaria) di Amatrice e la seconda sulla situazione delle 103 chiese danneggiate del territorio.

“Oggi- prosegue Crimi- ci sono una serie di vincoli e autorizzazioni: dobbiamo cercare di velocizzare il più possibile e fare in modo che le perizie e i progetti dei professionisti possano essere già considerate a tutti gli effetti degli strumenti pronti per operare. Questa deve essere la novità. Ma i controlli saranno severi, Ci auguriamo che questo senso si comprenda bene la necessità di fare le cose per bene”.

CRIMI: INCREMENTEREMO I SERVIZI SANITARI

“C’è l’impegno- prosegue Crimi- da parte della Regione di incrementare i servizi sanitari e io mi sono impegnato ad attivarmi presso il ministero della Salute per il servizio di radiologia non solo per le emergenze, come già avviene, ma anche per i casi ordinari. Ma in queste zone è già un’emergenza richiedere un esame semplice”.

CRIMI: SGRAVI E CONTRIBUTI PER IMPRESE CHE INVESTONO

“Nella legge di bilancio- aggiunge- abbiamo rinnovato e messo anche nuove misure per il sostegno al territorio. Le imprese che investono qui avranno sgravi fiscali e contributi. Alle imprese dico: investite in questo territorio”.

Leggi anche:

14 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»