Kenya, rastafariana espulsa da scuola: “O i dreadlocks o i libri”

Secondo l'ong Katiba Institute, che sta seguendo il caso, nella vicenda sono in gioco i "diritti umani" della ragazza.

ROMA – La Olympic High School di Nairobi ha espulso una ragazza di 15 anni per la sua tenuta rastafariana. “Solo le musulmane sono autorizzate a coprirsi i capelli” ha detto il vicedirettore a Makeda Ndinda, questo il nome della studentessa, secondo quanto la giovane ha riferito all’emittente tv ‘Ktn’.

Secondo il quotidiano keniano ‘The Standard’, Makeda è stata mandata a casa subito dopo e invitata a scegliere se adeguare la sua acconciatura a quella delle colleghe o abbandonare i libri.

Suo padre ha fatto allora ricorso presso l’Alta corte di Nairobi per difenderla, affermando che la figlia ha completato con successo il suo percorso di istruzione primaria senza che la sua acconciatura le creasse problemi.

Con la sua famiglia, Makeda professa la religione rastafariana. Secondo l’ong Katiba Institute, che sta seguendo il caso, nella vicenda sono in gioco i “diritti umani” della ragazza.

Leggi anche:

14 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»