Brasile, da inizio anno 33 vittime di femminicidio

"Nei primi 11 giorni del 2019, 33 donne sono state uccise per mano dei compagni, 17 sono quelle sopravvissute.

ROMA – “Nei primi 11 giorni del 2019, 33 donne sono state uccise per mano dei compagni, 17 sono quelle sopravvissute. Sono le piu’ giovani ad essere a rischio. La legge Maria da Penha, considerata una delle migliori al mondo, e’ insufficiente. Non ferma questi femminicidi”. E’ la denuncia che arriva dal Brasile da Monica Nicola, psicoanalista e membro del Comitato DireDonne.

Secondo Nicola la strada per superare questa emergenza passa per una nuova educazione di genere. “Bisogna sviluppare- spiega alla Dire- un’altra coscienza del genere per garantire l’eguaglianza dei diritti. Cambiamo linguaggio; la repressione non funziona. E’ necessario iniziare dalle scuole e insegnare il rispetto di genere, ma direi umano”.

E conclude: “Il Brasile e’ al quinto posto per il numero di femminicidi nel mondo. E’ importante che il femminismo pensi a questa lotta per l’eguaglianza diritti come una lotta che non e’ piu’ soltanto socialista, ma legata ad un contesto umano e quotidiano”. (foto da ‘O Globo’, 12 gennaio)

Leggi anche:

14 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»