Brasile, da inizio anno 33 vittime di femminicidio

"Nei primi 11 giorni del 2019, 33 donne sono state uccise per mano dei compagni, 17 sono quelle sopravvissute.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Nei primi 11 giorni del 2019, 33 donne sono state uccise per mano dei compagni, 17 sono quelle sopravvissute. Sono le piu’ giovani ad essere a rischio. La legge Maria da Penha, considerata una delle migliori al mondo, e’ insufficiente. Non ferma questi femminicidi”. E’ la denuncia che arriva dal Brasile da Monica Nicola, psicoanalista e membro del Comitato DireDonne.

Secondo Nicola la strada per superare questa emergenza passa per una nuova educazione di genere. “Bisogna sviluppare- spiega alla Dire- un’altra coscienza del genere per garantire l’eguaglianza dei diritti. Cambiamo linguaggio; la repressione non funziona. E’ necessario iniziare dalle scuole e insegnare il rispetto di genere, ma direi umano”.

E conclude: “Il Brasile e’ al quinto posto per il numero di femminicidi nel mondo. E’ importante che il femminismo pensi a questa lotta per l’eguaglianza diritti come una lotta che non e’ piu’ soltanto socialista, ma legata ad un contesto umano e quotidiano”. (foto da ‘O Globo’, 12 gennaio)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

14 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»