Primarie Pd: Zingaretti in testa, segue Martina

Il governatore del Lazio in testa, segue l'ex ministro dell'Ambiente. Boccia supera Giachetti per la corsa all'ultimo posto per le primarie.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dopo i congressi degli iscritti nei primi 150 circoli Zingaretti è in vantaggio con poco più di 2.300 voti, pari al 48,8% nazionale. Buon risultato per Maurizio Martina, con il 36,1%. A seguire, c’è il ticket Giachetti-Ascani al 12,8%. Sotto l’1%, per ora, gli altri tre candidati, con Maria Saladino che stacca di una manciata di voti Corallo e Boccia.

E’ l’analisi condotta da Youtrend sulla base della ricezione di 5mila voti al congresso del Pd. Youtrend sottolinea “che buona parte della differenza a favore di Zingaretti proviene dalle due regioni dalle quali sono arrivati più voti: Emilia Romagna e Toscana. Martina, invece, è avanti in Liguria e in Lombardia, oltre che nella provincia di Bologna. Giachetti, infine, conduce in Piemonte, dal quale sono arrivati però i risultati di pochi circoli, e sembra lanciato verso un discreto risultato in Lombardia”.

SONDAGGIO ONLINE, GUIDA ZINGARETTI

Il sondaggio online tra i sei candidati alla segreteria nazionale del Partito democratico, consultabile su www.sondaggi-primarie-pd.it, ha raggiunto una base di 37mila votanti.

Dopo i primi voti reali nei circoli Pd, Nicola Zingaretti si conferma in testa al sondaggio con il 38,85 per cento, subito dietro al presidente della Regione Lazio, Maurizio Martina con 33,35 per cento, terzo sempre Francesco Boccia con il 16,81 per cento.

Seguono, a distanza, gli altri candidati. Roberto Giachetti si ferma al 6,19 per cento, Dario Corallo al 2,69 per cento e chiude Maria Saladino con il 2,11 per cento.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

14 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»