Amatrice, il sindaco: “Risposte o il prossimo inverno qui sarà deserto”

Oggi due riunioni operative con il commissario alla Ricostruzione, Piero Farabollini, e il sottosegretario alla Ricostruzione, Vito Crimi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

AMATRICE – “Siamo stanchi di parlare solo dei problemi di Amatrice. Abbiamo bisogno delle soluzioni”. A dirlo è il sindaco di Amatrice, Filippo Palombini, nel giorno della visita del sottosegretario alla Ricostruzione, Vito Crimi. 

“Chiediamo di cambiare regole per accelerare la ricostruzione. In due anni e mezzo è stato fatto poco perché ci sono regole sbagliate. Servono regole diverse per disegnare il futuro. Di risolto qui ad Amatrice c’è poco o niente- commenta il primo cittadino-. C’è poca fiducia nel futuro e niente di più delle minime condizioni di vita. Questo inverno lo passeremo, ma a primavera devono sbocciare le margherite altrimenti il prossimo inverno qui non ci sarà più nessuno“.  

Sono previste oggi due riunioni operative alla presenza, oltre che di Crimi e Palombini, anche del commissario alla Ricostruzione, Piero Farabollini. La prima verterà sul potenziamento del Pass (Presidio assistenza socio-sanitaria) di Amatrice e la seconda sulla situazione delle 103 chiese danneggiate del territorio.

“Nella legge di bilancio abbiamo rinnovato e messo anche nuove misure per il sostegno al territorio. Le imprese che investono qui avranno sgravi fiscali e contributi. Alle imprese dico: investite in questo territorio”, ha reso noto Crimi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

14 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»