Strasburgo, l’attentatore ucciso in un blitz: era nascosto in un magazzino in città

Il 29enne era rimasto nel quartiere Neudorf, dove è cresciuto. Aveva con sè un coltello e una pistola e ha sparato per primo alle forze speciali.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Cherif Chekatt, l’attentatore che martedì ha aperto il fuoco al mercatino di Natale di Strasburgo (uccidendo tre persone e ferendone 13, tra cui un cronista italiani in condizioni molto gravi) non aveva mai lasciato la città e la Francia.

Era nascosto in un magazzino in rue du Lazaret,  nel quartiere di Neudorf, dove è cresciuto, ed è lì che lo hanno scovato le forze speciali durante un blitz nel tardo pomeriggio di oggi.

Il 29enne aveva con sè un coltello e una pistola e quando ha visto arrivare le forze speciali ha sparato per primo. Poi è stato colpito dagli agenti. Nessun uomo della Polizia è rimasto ferito nel blitz.

Era un soldato dello Stato islamico“. Così l’agenzia di propaganda dello stato islamico Amaq, poco dopo la notizia della morte di Chekatt, ha rivendicato l’attentato ai mercatini di Natale a Strasburgo.

Dopo l’attentato, gli inquirenti avevano interrogato il tassista sulla cui auto Chekatt è fuggito la sera di martedì. L’uomo ha riferito che Chekatt, dopo averlo minacciato per farsi portare a Neudorf, avrebbe detto di aver sparato per “vendicare i nostri fratelli morti in Siria“.

Da martedì a oggi, le autorità francesi hanno schierato 700 persone per dare la caccia al terrorista, che figurava schedato come ‘radicalizzato’. Tredici le persone ferite nell’attentato compiuto ai mercatini, di cui tre in modo gravissimo: tra loro anche Antonio Megalizzi, il giornalista radiofonico italiano di Rovereto, che lotta tra la vita r la morte.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

13 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»