Tg Lazio, edizione del 13 dicembre 2018

Si parla di: Agenzia controllo stronca servizi pubblici della capitale; Roma, nel 2018 produzione rifiuti aumentata del 3%

AGENZIA CONTROLLO STRONCA SERVIZI PUBBLICI DELLA CAPITALE

Oltre un milione e trecentomila corse bus soppresse da Atac, una rete idrica con perdite del 41%, un calo della spesa per la manutenzione del verde. Non e’ un quadro confortante quello fornito dalla relazione sullo stato dei servizi pubblici del 2018 dall’Agenzia per il controllo di Roma Capitale, presentata oggi in Campidoglio. Il presidente, Carlo Sgandurra, ha pero’ assicurato: “Roma va migliorando”.áTra le note positive c’e’ il sociale, con nidi e trasporto scolastico promossi, i 230 mila visitatori in piu’ nei musei romani nel 2017, e il turismo, che registra uná+3% di arrivi ma resta ‘mordi e fuggi’.

ROMA, NEL 2018 PRODUZIONE RIFIUTI AUMENTATA DEL 3%

Cresce la produzione di rifiuti a Roma. Nel 2018 l’Ama stima che la produzione sia stata pari a 1.739 tonnellate, un +3% rispetto al 2017, segnando un’inversione di tendenza rispetto a un andamento decrescente che si protraeva dal 2010. Intanto proseguono le operazioni di bonifica dell’impianto di Tmb di via Salaria dopo l’incendio di martedi’ notte. I Vigili del fuoco hanno rimosso le parti pericolanti all’interno del capannone. Ama ha anche precisato che “i dispositivi antincendio presenti all’interno dell’impianto erano e sono pienamente funzionanti”.

SOLDI DA SCARPELLINI, RAFFAELE MARRA CONDANNATO A 3 ANNI E MEZZO

L’ex capo del Personale di Roma Capitale, Raffaele Marra, e’ stato condannato dal Tribunale di Roma a 3 anni e 6 mesi nel processo che lo vedeva imputato per concorso in corruzione con il costruttore Sergio Scarpellini, scomparso lo scorso 20 novembre. La vicenda riguarda due assegni circolari da 367 mila euro, staccati dall’imprenditore e intestati alla moglie di Marra, usati per comprare un appartamento in via dei Prati Fiscali. L’accusa ha chiesto e ottenuto la confisca dell’appartamento e un risarcimento di 100 mila euro al Comune di Roma. La sindaca di Roma, Virginia Raggi, ha commentato: “Marra e’ un pagina chiusa”.

SENSORI E TELECAMERE TERMICHE, ECCO PIANO SICUREZZA PER COLOSSEO

Vale 7 milioni di euro il nuovo piano sicurezza messo a punto dal Parco archeologico del Colosseo che prevede di incrementare l’attuale livello di sicurezza della fruizione dei siti attraverso il controllo dei varchi di accesso e mediante un sistema antintrusione basato su nuove tecnologie. Il piano e’ stato illustrato stamani dal direttore del Parco, Alfonsina Russo, alla presenza del ministro dei Beni culturali, Alberto Bonisoli. “Chi viene qui dev’essere protetto- ha sottolineato il ministro- il Colosseo e’ un simobolo del nostro patrimonio e va difeso”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

leggi anche:

13 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»