Dl Fiscale, governo battuto alla Camera su odg del Pd

Il governo va sotto in aula alla Camera su un ordine del giorno al dl fiscale del Pd, a firma di Enza Bruno Bossio.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il governo va sotto in aula alla Camera su un ordine del giorno al dl fiscale del Pd, a firma di Enza Bruno Bossio.

L’esecutivo aveva espresso parere favorevole con riformulazione. Bruno Bossio ha accettato la riformulazione ma ha chiesto che fosse comunque votato, prerogativa questa di cui possono avvalersi i parlamentari. Una prerogativa di cui i singoli deputati possono in ogni caso disporre. La maggioranza ha votato in maniera difforme. E l’odg e’ stato respinto.

Un caso analogo si e’ verificato anche sull’ordine del giorno di Susanna Cenni, sul quale pero’ la maggioranza si e’ spaccata: l’odg e’ passato con il voto a favore dei Cinque Stelle e contrario della Lega.

Dopo le votazioni si e’ tenuto un minivertice di maggioranza in aula, con i capigruppo Molinari e D’Uva e i rispettivi stati maggiori a confronto. Simone Baldelli di Forza Italia ha colto la palla al balzo per una battuta ai colleghi di maggioranza: “Se avete bisogno sospendete la seduta…”.

Un chiarimento piuttosto vivace e’ avvenuto anche all’interno della Lega, tra il sottosegretario Massimo Bitonci, che da’ i pareri al decreto, e il presidente della commissione sul federalismo fiscale Cristian Invernizzi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

13 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»