Tegola sui teatri lirici: sentenza giudici Ue mette a rischio spettacoli

Una pronuncia di fine ottobre ha stabilito che i contratti precari non possono essere illimitati. Ma i precari sono fondamentali per la maggior parte delle Fondazioni sinfoniche, che ora rischiano il blocco della produzione artistica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Una sentenza della Corte di giustizia dell’Unione Europea del 25 ottobre scuote le Fondazioni lirico-sinfoniche italiane imponendo un limite al precariato. E anche il Teatro comunale di Bologna deve capire come uscirne indenne. La faccenda è delicata: letta la sentenza, Slc-Cgil, Fistel-Cisl, Uilcom-Uil e Fials-Cisal e l’Anfols, associazione degli enti lirici, hanno scritto ai ministri Luigi di Maio e Alberto Bonissoli per segnalare che si sta aprendo un problema enorme. Per dirla in breve, può essere compromessa la programmazione delle Fondazioni. E difatti, nella lettera ai due ministri, scrivono che, “al solo fine di impedire il blocco della produzione artistica con inevitabili gravi ripercussioni sui livelli occupazioni, sulla gestione economica e sui piani di risanamento in corso”, avrebbero cercato soluzioni tampone.

Un primo tassello per la soluzione del problema è un accordo nazionale del 6 dicembre, che “mantenendo il diritto di precedenza, permette di assumere artisti e tecnici con decorrenza a partire dal 25 ottobre 2018 per un massimo di 12 mesi”, prevedendo l’avvio di un percorso di stabilizzazione.

Per la Corte europea è illegittimo che non ci siano limiti a contratti precari

Ma la ‘patata’ resta bollente. A monte ‘pesa’ la sentenza europea che dichiara illegittima la normativa italiana nella parte in cui non prevede per le Fondazioni liriche alcun limite al rinnovo dei contratti a tempo determinato, sia per quanto riguarda la loro durata, sia per quanto concerne l’obbligo di motivare i rinnovi di incarico.

A Bologna la Fistel ha convocato tre giorni fa un’assemblea pubblica per “analizzare meglio la questione” con l’aiuto dell’avvocato Renzo Cristiani (che nel 2009 vinse la causa contro l’allora sindaco e presidente della Fondazione Sergio Cofferati per condotta antisindacale). Il terreno è appunto insidioso.

Alcuni teatri hanno già bloccato la produzione

Racconta Donatella Amerini (Fistel): “Alcuni teatri hanno bloccato la produzione, con inevitabili gravi ripercussioni sui livelli occupazionali, il rischio è che in effetti si fermi tutto”, di fronte al vincolo di far scattare parecchie assunzioni a tempo indeterminato. Le Fondazioni liriche per poter mettere in scena le opere ricorrono a vari incarichi a termine sia per il personale artistico che tecnico e “ci sono teatri che hanno contratti a termine molto rilevanti, anche perchè la normativa italiana vieta di procedere ad assunzioni a tempo indeterminato finchè non si è concluso il piano di risanamento, e ottenere deroghe è molto complicato”, spiega ancora Amerini. Anche il Teatro comunale di Bologna naviga in queste acque.

Assumere di punto in bianco è difficile

Come se ne esce? Assumere di punto in bianco rischia di una strada difficilmente praticabile; se si rinnovano i contratti a termine potrebbero scattare cause di lavoro per ottenere la stabilizzazione. Resta come riferimento l’accordo nazione del 6 dicembre che, “mantenendo il diritto di precedenza, permette di assumere artisti e tecnici con decorrenza a partire dal 25 ottobre 2018 per un massimo di 12 mesi” e che si “avvii un percorso di stabilizzazione nelle singole Fondazioni liriche verificando le carenze rispetto alle piante organiche”.

A Bologna vertice domani, il 14 dicembre

Ora la palla passa quindi al livello locale: “Ciascun territorio dovrà pertanto verificare” quale strada intraprendere per raggiungere “la saturazione dei posti disponibili, tenendo conto della sostenibilità economico-finanziaria”, mandano a dire Slc, Fistel, Uilcom e Fials. A Bologna il vertice ad hoc è dietro l’angolo: il tavolo è fissato per il 14 dicembre: “Dobbiamo capire quale percorso intraprendere per non bloccare l’attività del Teatro. In questo momento quasi tutte le Fondazioni si trovano in grossa difficoltà a seguito di da questa sentenza: proprio per questo si è fatto l’accordo quadro in attesa che i ministeri del Lavoro e dei Beni Culturali affrontino con la massima serietà il tema della riforma del settore che trovi anche soluzione al tema del precariato”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

13 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»