Fornero contro Salvini: “Spregiudicato e neofascista”. E lui: “I suoi insulti sono medaglie”

Nonostante i recenti sviluppi della politica salviniana, la professoressa conferma le sue impressioni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Elsa Fornero non cambia idea su Salvini. A Circo Massimo, su Radio Capital, la ex ministra aveva definito il leader della Lega “un neofascista rozzo e aggressivo“. Nonostante i recenti sviluppi della politica salviniana, la professoressa conferma le sue impressioni sempre nella trasmissione condotta da Massimo Giannini e Jean Paul Bellotto: “Ritengo che i metodi di Salvini siano neofascisti”, dice Fornero, “A me sembra una persona estremamente spregiudicata che usa gli argomenti che pensa servano ad accrescere il consenso: in questo è oggettivamente molto bravo, ma non è credibile nella sua trasformazione da lupo in agnello”.

LEGGI ANCHE: Pensioni, Di Maio: “La Fornero ancora parla, ma è solo un brutto ricordo”

“Mi sembra difficile non paragonare quello che si sta facendo con le affermazioni roboanti, le promesse e le illusioni vendute a buon mercato da imbonitori della politica in campagna elettorale ma anche durante la preparazione della manovra. Questo è il governo delle bugie dilaganti. E alle bugie seguiranno le delusioni”, conclude Fornero.

SALVINI: INSULTI FORNERO PER ME MEDAGLIE

“Fornero: ‘Salvini spregiudicato e neofascista’. Che vergogna. Mi onoro, con quota 100, di restituire vita e dignità agli italiani che la legge della signora aveva rovinato e tradito, alla faccia dei suoi insulti (per me, medaglie)”. Lo scrive su facebook Matteo Salvini, vicepremier e ministro dell’Interno.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

13 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»