Tg Politico, edizione del 13 novembre 2018

Tg Politico, edizione del 13 novembre 2018

Si parla di: Libia, Conte: Da Palermo un messaggio di speranza; Terzo settore, con manovra a rischio 340.000 organizzazioni

LIBIA, CONTE: DA PALERMO UN MESSAGGIO DI SPERANZA

Un vertice riuscito solo a meta’, perche’ Khalifa Haftar e Fayez al Serraj si sono incontrati ma non e’ bastato a farli convergere su un percorso comune. Il capo della Cirenaica Haftar, l’ospite piu’ atteso del summit di Palermo, ha lasciato i lavori in anticipo. Il premier italiano Giuseppe Conte parla di un segnale incoraggiante, di un forte messaggio di speranza”. “Portiamo con noi- dice Conte- il sentimento di fiducia per una prospettiva di stabilizzazione della Libia. Sono state poste premesse importanti”.

TERZO SETTORE, CON MANOVRA A RISCHIO 340MILA ORGANIZZAZIONI

Il Forum del Terzo settore lancia l’allarme. Il governo ha dimenticato il mondo del volontariato, la manovra mette a rischio 340mila organizzazioni. “Nel testo della legge di bilancio non troviamo le nostre richieste sugli adeguamenti della normativa fiscale”, avverte la portavoce Claudia Fiaschi. Le associazioni chiedono ora un segnale chiaro dall’iter parlamentare.

PICCOLI COMUNI, I SINDACI A CONTE, SERVONO RISORSE

Attuare la legge ‘Salva Borghi’ e stanziare le risorse necessarie ai piccoli comuni. Arriva da 200 sindaci l’appello al governo perchè approvi i decreti attuativi della legge salva borghi. Oggi la presentazione alla Camera con Legambiente, Anci e Unione delle comunita’ montane. Le associazioni chiedono che in legge di bilancio si trovino le risorse per i comuni sotto i 5 mila abitanti. I 160 milioni di euro previsti fino al 2023 sono insufficienti.

SIANI: UN POSTO ALL’ASILO PER OGNI BAMBINO

Investire risorse sugli asili conviene. Lo dice il pediatria e parlamentare Paolo Siani, tra gli autori di una proposta per garantire un posto all’asilo ad ogni bambino.

Condividi l’articolo:

Leggi anche:

13 Nov 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»