I volontari del Baobab: “Qui aiutavamo i poveri, e continueremo”

A parlare al termine dello sgombero dell'insediamento di piazzale Maslax, a Roma, è Andrea Costa, uno dei responsabili di Baobab Experience.

Condividi l’articolo:

ROMA – “Sì è vero, qui c’era anche una famiglia italiana. Parliamo di poveri e noi non chiedevamo il passaporto alle persone che venivano qui, fermo restando che migrare per noi non è un reato. Eravamo contro il decreto Minniti e ora siamo contro quello Salvini”. A parlare al termine dello sgombero dell’insediamento di piazzale Maslax, a Roma, è Andrea Costa, uno dei responsabili di Baobab Experience.

Alla domanda ‘Che fine faranno i migranti sgomberati?’, Costa ha risposto: “Quelli che non subiranno provvedimenti ci troveranno come sempre vicino alle stazioni o nei luoghi della cosiddetta marginalità”.

LEGGI ANCHE: Migranti, sgomberato il presidio Baobab a Tiburtina. Salvini: “Zone franche non più tollerate”

 

Leggi anche:

13 Novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»