La Lega punta ad abolire il valore legale della laurea

Così il leghista Mario Pittoni, presidente della VII commissione al Senato, a margine del convegno 'La scuola del futuro'

Condividi l’articolo:

ROMA – “I genitori spingono i ragazzi non tanto perché studino, quanto perché facciano di tutto per ottenere il pezzo di carta. Una volta arrivati al pezzo di carta i libri non li aprono più. All’estero si studia tutta la vita, in Italia quando si arriverà all’abolizione del valore legale del titolo di studio potrebbe cambiare anche la mentalità dei genitori che spingono i ragazzi a conquistare pezzi di carta e non ad acquisire competenza e conoscenza”. Così il leghista Mario Pittoni, presidente della VII commissione al Senato, a margine del convegno ‘La scuola del futuro’ organizzato dall’Anp a Roma, spiega all’agenzia Dire perché sia necessario arrivare a eliminare il valore legale del titolo di studio.

Leggi anche:

13 Nov 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»