Laurito (Velina Rossa) trolla Di Battista: "Un fascista minore, non ne ha l'intelligenza" - DIRE.it

Laurito (Velina Rossa) trolla Di Battista: “Un fascista minore, non ne ha l’intelligenza”

ROMA – “Di Battista? Un fascista minore“. Pasquale Laurito, decano della stampa parlamentare e autore della Velina rossa, prende posizione sulle critiche dei Cinque stelle ai giornalisti.

LEGGI ANCHE: Giornalisti, la lista di Di Battista: “Ecco quelli con la schiena dritta”

Dal 1947 in Parlamento, come giornalista politico, per varie testate tra le quali Il Mondo, Paese sera, l’Ansa. Laurito condivide la protesta della Fnsi e dei giornalisti che oggi animano un flash mob sulla liberta’ di informazione. “I giornalisti fanno bene a scendere in piazza ma non basta. Si rivolgano al presidente della Repubblica, che pure e’ gia’ intervenuto sulla liberta’ di stampa”, spiega Laurito alla Dire.

LEGGI ANCHE: Processo Raggi, Di Battista: “Pennivendoli puttane, i colpevoli sono loro”

L’autore della Velina Rossa ricorda che “la liberta di stampa e’ un diritto sancito dalla Costituzione della Repubblica e noi che eravamo presenti ai lavori della Costituente, sappiamo che ci furono dibattiti numerosi sulla liberta’ del giornalista. Non abbiamo mai mostrato ostilita’ quando l’Uomo qualunque faceva la sua propaganda o quando altri giornali cercavano persino di attaccare la Repubblica e le istituzioni repubblicane. Il giornalista e’ libero, deve esprimere se stesso. Non puo’ essere considerato un venduto, come fa l’ex deputato”.

LEGGI ANCHE: Giornalisti contro gli insulti dei politici: oggi mobilitazione in tutta Italia

Ma e’ giusto paragonare le frasi di Di Battista al fascismo? “Ma non all’intelligenza del fascismo, sono frasi che io posso attribuire nella mia memoria storica ai vari Farinacci di turno o ai vari Starace, che erano considerati i minori del regime, messi in auge proprio per queste loro sortite”.

Condividi l’articolo:

Guarda anche:

13 Nov 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»