Lazio

Per il Giubileo hub a Tiburtina da 130 stalli per i pullman

ROMA  – Al Giubileo con il treno. E’ questo il senso del piano elaborato da Ferrovie dello Stato Italiane e dalle sue società operative per i pellegrini in arrivo nella Capitale. Le novità sono state presentate oggi nei locali dell’Auditorium della stazione di Roma Tiburtina dall’amministratore delegato di Fs, Michele Mario Elia, alla presenza del prefetto di Roma, Franco Gabrielli, del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, del dirigente dell’ufficio speciale per il Giubileo di Roma Capitale, Virginia Proverbio, e di monsignor Rino Fisichella, presidente del Pontificio collegio per la promozione della nuova evangelizzazione.

Le novità messe in campo da Fs sono molte. Per favorire lo scambio auto-treno Roma Tiburtina, Roma Aurelia, La Storta, Fiumicino e Ciampino saranno le principali stazioni di interscambio dotate di parcheggi e servizi che permetteranno facili soluzioni di viaggio, con oltre mille treni, per chi arriverà a Roma in autobus, in auto o in aereo.

Come Rho Fiera Expo Milano 2015 per l’Esposizione universale, la stazione di Roma Tiburtina diventerà per il Giubileo della Misericordia la principale porta di accesso alla Città eterna.

roma_tiburtina

Nodo cruciale per la mobilità capitolina, Tiburtina sarà servita giornalmente da 64 Frecciarossa, 22 Frecciargento e 10 treni Intercity e Notte a disposizione dei passeggeri in arrivo dalle principali città italiane. All’offerta nazionale (96 treni) si aggiungono circa 307 collegamenti regionali, che renderanno Tiburtina il più importante snodo ferroviario di Roma pensato per gli spostamenti dei pellegrini.

Roma Tiburtina sarà dotata di un parcheggio, circa 130 stalli, per i pullman turistici provenienti dall’A24. Per i pellegrini raggiungere San Pietro sarà dunque più facile grazie ai collegamenti della linea FL3 (Tiburtina-San Pietro).

Dal 29 novembre entrerà in vigore il nuovo orario regionale, pianificato per il Giubileo della Misericordia e in accordo con la Regione Lazio, che prevede il potenziamento dei collegamenti con una frequenza giornaliera di tre treni l’ora fra Roma Tiburtina e Roma San Pietro (con 42 treni in più rispetto all’attuale offerta). Inoltre, nelle giornate di sabato e festivi e nelle ore di maggior traffico ferroviario, saranno potenziati anche i collegamenti tra Roma Aurelia e Roma San Pietro/Ostiense (con 18 treni in più rispetto all’attuale offerta). Alla stazione di San Pietro, poi, saranno sei collegamenti nazionali a Roma San Pietro (2 Frecciabianca da/per Genova, 2 treni Intercity Sestri Levante-Napoli e 2 treni Notte da/per Torino) si aggiungeranno ai 247 treni regionali che ogni giorno si fermano in stazione. Ma il piano di Fs non riguarda solo Tiburtina e San Pietro.

Anche ad Ostiense e Roma Aurelia saranno migliorati l’accessibilità, l’informazione al pubblico visiva e sonora e il decoro. La stazione di Roma Termini, la più grande d’Italia, sarà sottoposta a interventi straordinari. Tra i più importanti la pulizia dei soffitti storici “Dinosauro”, dei marmi della galleria gommata e dei marciapiedi di Via Giolitti e Laziali. Tra i lavori previsti anche il rifacimento del parcheggio a Piazza dei Cinquecento e l’implementazione dei posti Kiss & Ride. Sono inoltre previsti interventi per il completamento dell’Ostello Caritas.

Ed ancora: saranno potenziati i collegamenti del Leonardo Express verso l’aeroporto di Fiumicino, che passeranno dagli attuali 88 a 102, per arrivare fino a 120 treni al giorno, con un incremento dei posti a sedere da 22mila a 34mila per arrivare a 40mila a pieno regime. Un Leonardo Express ogni 15 minuti tra l’aeroporto e la stazione Termini andrà ad aggiungersi alle 124 corse regionali quotidiane (oltre 100mila posti a sedere) da Fiumicino a Tiburtina, con fermate a Trastevere, Ostiense e Tuscolana. Ciò significa un treno ogni 7 minuti e 30 secondi da Fiumicino per la Capitale. 181, invece, saranno i treni da e per Roma Termini per raggiungere la Capitale o l’aeroporto di Ciampino in soli 15 minuti.

L’offerta di Trenitalia sarà ampia anche verso gli altri principali luoghi di culto: Padova avrà più di 90 collegamenti giornalieri; Foggia – da dove sarà possibile raggiungere San Giovanni Rotondo – potrà contare su più di 40 treni al giorno e Ancona (da dove sarà possibile raggiungere Loreto con i treni regionali) disporrà di 50 collegamenti nazionali. Fermate straordinarie previste anche nella stazione di Loreto con 6 treni Intercity giornalieri provenienti dalle principali località della linea Adriatica (Milano, Bologna, Pescara, Bari e Lecce). Per Assisi sono previsti 49 treni di cui 4 della lunga percorrenza, Pompei invece sarà collegata con 65 treni.

Fs lancia poi la carta ricaricabile per i treni regionali e Metrebus di 24, 48, 72 ore e una settimana: è la “Lazio Unica Pass, Speciale Giubileo” con l’immagine del Santo Padre. Trenitalia (vettore ufficiale per i pacchetti di viaggio che l’Opera Romana Pellegrinaggi promuoverà durante il Giubileo) metterà inoltre a disposizione dei propri canali di vendita “Omnia card”, che permetterà di usufruire di sconti per chi sceglierà di spostarsi in treno.

Fs rafforzerà poi il collegamento ferroviario che ogni sabato porta dall’antica stazione vaticana alle stazioni di Castel Gandolfo e Albano Laziale, con in più un servizio dedicato per raggiungere i Musei vaticani e le Ville Pontificie di Castel Gandolfo.

Customer care, infine, nelle stazioni di Roma Termini, Tiburtina, San Pietro, Aurelia, Ostiense e Fiumicino a disposizione dei viaggiatori. Per chi si sposta in treno è inoltre prevista la diffusione di orari tascabili per i collegamenti sia della lunga percorrenza, sia regionali. Con particolare attenzione per gli orari dei collegamenti tra San Pietro e Tiburtina, e per quelli aeroportuali di Fiumicino e Ciampino.

di Emiliano Pretto – Giornalista professionista

13 novembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»