AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE welfare

Domani primo giorno di scuola per oltre 8 milioni di studenti. Ministro Giannini inaugura anno scolastico in Molise

scuolaAnno scolastico al via da domani per oltre 8 milioni di studenti. Quest’anno sono infatti 7.861.925 i ragazzi iscritti nella scuola statale, oltre 960.000 quelli delle paritarie.  Così una nota del Miur.

Nella scuola statale sono più di 1 milione gli alunni dell’infanzia, 2.583.514 quelli della scuola primaria, 1.649.408 gli studenti della secondaria di I grado e 2.628.648 quelli della secondaria di II grado. Oltre 216.000 gli alunni con disabilità.

Complessivamente, le classi saranno 369.902 distribuite in 8.384 istituzioni scolastiche. Fra le regioni con più alunni, la Lombardia (1.185.662), seguita da Campania (920.964), Sicilia (763.529), Lazio (741.633).

Domani il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Stefania Giannini inaugurerà l’anno scolastico in Molise.  Prima tappa della visita, alle ore 9.30, l’ISIS “Majorana Fascitelli” di Isernia. Successivamente il Ministro si recherà presso la scuola primaria dell’Istituto Comprensivo San Giovanni Bosco, sempre a Isernia. La visita si concluderà presso il Comprensivo di Carovilli “Molise Altissimo” dove il Ministro presenterà il documento “La Buona Scuola per le aree interne” con le linee guida per le cosiddette Aree-Progetto.

Sempre domani il Sottosegretario all’Istruzione, Davide Faraone, sarà a Palermo alle 10.30 per inaugurare l’anno scolastico del Liceo Linguistico “Ninni Cassarà”. Insieme a lui ci sarà anche Don Ciotti.  Il Liceo Linguistico “Ninni Cassarà” è stato riqualificato e reso opera d’arte grazie al lavoro dei volontari e degli studenti coinvolti nel progetto “S.O.S. Scuola”. Segno evidente di quanto la scuola possa essere fondamentale per la rigenerazione dell’ambiente e del contesto sociale.  Oltre ad essere motore fondamentale e luogo d’eccellenza dell’inclusione.

13 settembre 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram