India, i giudici: “Il Taj Mahal cambia colore e il governo dorme”

ROMA – Aloni gialli, riflessi marroni e perfino verdi: a lanciare l’allarme per il marmo (che era) bianco del Taj Mahal, mausoleo seicentesco da 70mila visitatori al giorno, e’ la Corte suprema dell’India.
I giudici, riferisce la stampa locale, non se la sono presa solo con l’inquinamento industriale e gli escrementi di sciami di insetti del fiume Yamuna ma anche con il governo federale.
L’accusa e’ di essersene andato in “letargo” a fronte di un’emergenza locale e nazionale, certificata poche settimane fa dall’Organizzazione mondiale della sanita’: New Delhi, dati sul Pm10 alla mano, e’ la citta’ piu’ inquinata al mondo.
Sul Taj Mahal, patrimonio dell’Unesco nella citta’ di Agra, la Corte era stata chiamata a esprimersi dopo una petizione popolare. A sua difesa il governo federale aveva riferito di aver fatto chiudere le fabbriche piu’ inquinanti e istituito un comitato ad hoc per definire un piano di tutela.

13 luglio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»