Nave Diciotti, Mattarella sblocca lo sbarco; Cgil: Nessuno tocchi legge caporalato - DIRE.it

TG-Politico

Nave Diciotti, Mattarella sblocca lo sbarco; Cgil: Nessuno tocchi legge caporalato

NAVE DICIOTTI, MATTARELLA SBLOCCA LO SBARCO

La Diciotti finalmente sbarca a Trapani. Dopo una telefonata del presidente della Repubblica Mattarella al premier Conte, e’ stata autorizzata l’accoglienza dei 67 migranti da giorni a bordo della nave militare italiana. Il ministro dell’Interno Matteo Salvini si e’ detto sorpreso dalla iniziativa del Colle, mentre l’altro vice premier Luigi Di Maio invita a rispettare Mattarella e sottolinea: “L’importante e’ che abbia sbloccato la situazione”.

COLDIRETTI, GOVERNO PROMETTE VOUCHER E STOP AL CETA 

Via libera ai voucher in agricoltura, stop al trattato commerciale con il Canada e avanti con l’etichettatura del made in Italy. Coldiretti incassa l’impegno del governo su diversi fronti caldi. Intervenendo alla assemblea degli agricoltori, il ministro del Lavoro Luigi Di Maio sottolinea come i voucher siano stati aboliti “per paura di perdere un referendum e quando si legifera cosi’ si fanno danni”. Il vicepremier assicura poi che quando il Ceta arrivera’ in aula “questa maggioranza non lo ratifichera’”. “Avanti con l’etichettatura anche se dovessimo incorrere in una infrazione”, assicura il ministro dell’Agricoltura Gian Marco Centinaio.

CGIL: NESSUNO TOCCHI LEGGE CAPORALATO 

Ancora tante aziende si rivolgono al caporale per reclutare forza lavoro. E’ un quadro desolante quello degli lavoratori agricoli che emerge dal Rapporto Agromafie e Caporalato della Flai Cgil. Sono tra i 400 e i 430 mila i lavoratori agricoli esposti al rischio di ingaggio irregolare. Molti sono stranieri. Il presidente della Camera, Roberto Fico, rivendica il ruolo dei sindacati, “utili per il controllo”. Susanna Camusso avverte il governo: “Nessuno tocchi la legge sul caporalato”.

MATTARELLA, EVITARE SPOPOLAMENTO CENTRI MINORI 

“Evitare lo spopolamento e il depauperamento dei territori nei centri minori”. E’ il monito di Sergio Mattarella in occasione della Conferenza annuale dei Piccoli Comuni dell’Anci. Secondo il Capo dello Stato, assicurare una buona qualita’ di vita nei piccoli centri vuol dire “proporre un modello di vita sostenibile”. Mattarella, riporta il Sir, invita ad andare avanti con progetti di riqualificazione dei centri storici, innovazioni tecnologiche e cura dell’ambiente.

13 luglio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»