AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE vaticano

Migranti, monsignor Galantino: “Aiutiamoli a casa loro non basta”

nunzio_galantinoROMA –  “L’espressione ‘aiutiamoli a casa loro’ e’ un refrain troppo frequente che non aiuta a capire veramente il problema. Meglio dire ‘liberi di partire, liberi di restare’, tenere conto della liberta’ che hanno gli uomini di partire e anche di restare”. Lo dice alla Dire monsignor Nunzio Galantino, interpellato a margine della tavola rotonda ‘Da mani pulite a Cantone: il valore delle regole’, organizzata da Gianluca Maria Esposito professore di diritto amministrativo e direttore della scuola anticorruzione e appalti dell’universita’ di Salerno (clicca qui per scoprire di cosa si tratta).

Aiutiamoli a casa loro e’ troppo generico, bisogna capire con quali mezzi, quali strumenti. Le persone se vogliono restare devono essere messe in condizione di farlo”, dice Galantino.

LEGGI ANCHE Migranti, Renzi: “Aiutiamoli a casa loro è un principio di buon senso”

13 luglio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988