Nuova Delhi concede 6 mesi a Latorre e accetta l’arbitrato internazionale

marò“La Corte Suprema indiana ha oggi concesso una estensione di 6 mesi – e pertanto fino alla metà di gennaio 2016 – del periodo di permanenza in Italia del Fuciliere di Marina Massimiliano Latorre“. Ad annunciarlo in una nota è la Farnesina, aggiungendo che “La Corte ha rinviato al 26 agosto la decisione relativa alla nostra richiesta di sospendere il procedimento giudiziario interno per tutta la durata del procedimento arbitrale, avviato dall’Italia il 26 giugno scorso ai sensi della Convenzione delle Nazioni Unite sul Diritto del Mare”.

“La decisione del Governo indiano- prosegue la nota- di partecipare all’arbitrato internazionale da noi avviato – comunicata oggi in udienza dal suo rappresentante – unita all’estensione da parte della Corte Suprema, senza l’opposizione del Governo di New Delhi, di ulteriori 6 mesi della permanenza in Italia del Fuciliere di Marina Latorre, ancorché per un periodo inferiore a quello da noi richiesto, confermano il consolidamento del percorso arbitrale intrapreso dall’Italia il 26 giugno. L’Italia si accinge ora ad attivare tutte le misure necessarie per consentire il rientro in Italia anche del Fuciliere di Marina Salvatore Girone“.

“Ritengo molto positiva la decisione della Corte suprema indiana”, questo il commento di Pier Ferdinando Casini, presidente della Commissione Affari esteri del Senato. “Evidentemente per entrambe le parti l’arbitrato internazionale può essere la via d’uscita di una situazione imbarazzante che pregiudica i rapporti tra due grandi Paesi come India e Italia”, ha concluso Casini.

Di Vittorio Di Mambro – Giornalista Professionista

 

13 Lug 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»