Formazione, arriva al Sant’Andrea cadaver lab; Milanese: Osa guarda al futuro con professionalità

FORMAZIONE, ARRIVA AL SANT’ANDREA ARRIVA CADAVER LAB 

Il cadaver lab fa tappa a Roma nell’azienda ospedaliero-universitaria Sant’Andrea che, insieme alla facoltà di Medicina e Psicologia della Sapienza, lo organizza sotto l’egida del direttore di Ortopedia Andrea Ferretti. Un’opportunità formativa importante per specializzandi e specialisti ortopedici. Il corso affianca alla sessione teorica in aula l’esercitazione pratica all’interno del mobile Lab. I discenti potranno affinare le tecniche chirurgiche esercitandosi su pezzi anatomici veri, provando e riprovando procedure complesse, in modo da acquisire manualità ed esperienza, sotto la supervisione di colleghi esperti. Sul truck attrezzato con due postazioni cadaver lab con preparati anatomici di ginocchio o spalla, si alterneranno i discenti, a gruppi di 4, per fare pratica sui cadaveri e simula una vera equipe operatoria.

MILANESE: OSA GUARDA AL FUTURO CON PROFESSIONALITA’ 

La cooperativa Osa, presieduta dal presidente Giuseppe Milanese, ha aperto la stagione di assemblee separate dei soci che si terranno in molti regioni italiane, dalla Lombardia all’Abruzzo, dalla Sicilia alla Puglia. E si concluderanno con l’ultima nel Lazio il 27 giugno prossimo con l’approvazione del bilancio e il nuovo Consiglio d’amministrazione. Un momento per fare il punto sui risultati conseguiti e gli obiettivi futuri. la Dire ha intervistato il numero uno di Osa.

TECNOLOGIE PER DISABILI, INVESTIMENTI YARPA AL GASLINI

La riabilitazione in età pediatrica è una sfida complessa, che coinvolge il bambino ed i suoi familiari in percorsi spesso faticosi, lunghi e difficili. Per questo la Unità Operativa complessa di Riabilitazione dell’Istituto Gaslini di Genova e l’associazione Area di Torino hanno predisposto un progetto quinquennale che si propone di sviluppare programmi e strumenti integrati di supporto alla presa in carico della disabilità in età evolutiva, sia sul piano della riabilitazione funzionale che del supporto psicologico. Per supportare questo progetto, Yarpa ha promosso un nuovo fondo di investimento alternativo mobiliare di tipo chiuso riservato, denominato Fondo Zeta, inserendo nel suo regolamento che per i primi 5 anni di attività lo 0,1 per mille del totale ammontare del fondo venga devoluto all’Istituto Gaslini e alla Onlus Area.

CLINICA DELLA RIABILITAZIONE TOSCANA: NASCE ‘AUSILIOTECA’ 

Nasce un servizio a disposizione dei pazienti ricoverati nella Clinica di riabilitazione Toscana, in particolare di quelli che stanno per essere dimessi. Consentirà loro di vedere, conoscere e sperimentare gli ausili che potranno facilitare la ripresa dell’autonomia personale. Si chiama ‘Ausilioteca’ e promuoverà la partecipazione sociale dei soggetti colpiti da lesione cerebrale. “Vogliamo che i pazienti conoscano prima possibile l’esistenza e le modalità di utilizzo degli ausili più diffusi. Sia quelli già presenti sul mercato che quelli ancora in fase di sperimentazione”, ha detto Mauro Mancuso, Direttore sanitario e scientifico della Clinica di Riabilitazione Toscana.

RIABILITAPECTUS, IL CONVEGNO A GENOVA SUL PETTO SCAVATO E CARENATO 

E’ fissato per sabato 23 giugno, presso la sede del Cisef Gaslini di Genova, il corso e convegno ‘Riabilitapectus’ incentrato sulle malformazioni toraciche. L’evento si propone di formare fisioterapisti nell’ambito della riabilitazione del petto escavato e carenato attraverso il riconoscimento dei bisogni che emergono dai ragazzi e dalle loro famiglie dopo la dimissione e la condivisione delle esperienze di chi, da tempo, si occupa della presa in carico di ragazzi affetti da tale malformazione toracica. Le proposte di trattamento post chirurgico e di trattamento conservativo disponibili verranno discusse nella tavola rotonda. Centrale il ruolo del gruppo ‘PectuSmile’, che si occupa con grande impegno di coordinare eventi, divulgare le problematiche e guidare le famiglie alle prese con i casi di malformazione toracica.

13 Giu 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»