Europei di calcio, DIRE…tta dal bar: cronaca e commenti dei fanatici del pallone Diego&Pedro/4

Euro 2016 procede spedito nell’indifferenza generale. Ma lui non se ne cura e tira dritto, senza l’autorizzazione di nessuno, in barba al nostro parere: Euro 2016 sembra il governo Renzi. Pertanto, io che lo seguo e lo sostengo entusiasta qualunque cosa accada, sembro un elettore del Pd. Aiutatemi. Anzi, #aiutatemi.

Le partite di fotbal di sabato 11 giugno

Per il gruppo A – il proibitivo girone in cui è stata inserita la Francia padrona di casa – si sono affrontate l’Albania di Gianni De Biasi – e del suo vice Paolo Tramezzani, stipendiato dalla federazione albanese in forniture annuali di lacca per capelli, marca Splendor – e la Svizzera di Vladimir Petkovic, appena dimesso dalla casa di cura elvetica “Martiri di Claudio Lotito”. Non è più la Svizzera di Sutter e Chapuisat e un po’ mi dispiace, ma solo perché se così fosse io avrei ancora tredici anni con tutto ciò che ne conseguirebbe. Essendo all’esordio assoluto, l’Albania è un po’ la Cenerentola di questi Europei. Va da sé che la Svizzera sia un po’ la Genoveffa di questi Europei, che la Romania sia un po’ la Anastasia di questi Europei e che la Francia sia un po’ la Lady Tremaine di questi Europei. Ha vinto la Svizzera 1-0, ma solo perché gli uomini di De Biasi si sono mangiati dei gol che forse avrebbe segnato perfino Tramezzani.

Nel gruppo B, il Galles di Bale ha battuto la Slovacchia di Hamsik per 2-1. La rete degli slovacchi è stata segnata da Duda, che, non tutti sanno, di nome si chiama Everybodysingthissong ed è stato concepito dai Cartoons.

La famiglia dell'autore del gol slovacco

La famiglia dell’autore del gol slovacco

In serata l’Inghilterra ha battuto la Russia per 1-0 con gol di Dier, è uscita dal campo, i giocatori hanno fatto la doccia e mentre salivano sul pullman per tornare in albergo, i russi – i russi, gli americani, non fermare ti prego le tue mani, ndr – hanno pareggiato grazie a capitan Berezutski con un colpo di testa illegale, fissando sull’1-1 quello che è stato definito universalmente il derby Spice Girls – t.A.T.u oppure Take That XX Congresso. In nottata, Margaret Thatcher ha chiamato Gorbaciov per complimentarsi. Ci racconta tutto il nostro corrispondente da Mosca, Demetrio Volcic.

Take That Vs XX Congresso

Take That Vs XX Congresso

Le partite di fotbal di domenica 12 giugno

L’esordio del gruppo D ha visto affrontarsi al Parco dei Principi di Parigi (capitale della Francia, ndr) Turchia e Croazia, anche detto “il derby delle personcine a modo”. Gli uomini dell’imperatore Terim hanno dovuto soccombere per 1-0 dopo un gol da scoppia testa del madridista Modric. Anche se, a dirla tutta, Recber Rustu l’avrebbe parata in scioltezza grazie alle righe nere con cui soleva vergarsi gli zigomi.

Col medesimo risultato, alle 18, la Polonia ha poi battuto l’Irlanda del Nord (gol di Milik) in quello che è stato definito “il derby degli invasi”. Prova opaca per il giocatore di maggior talento della squadra nordirlandese: la salma di George Best.

Nel prossimo turno i polacchi dovranno fronteggiare la Germania e non è che l’idea li  faccia impazzire di gioia, ecco.

La partita di fotbal importante

Stade Pierre Mauroy, Lille,

Laboratoire Garnier Paris

GERMANIA 2 – UCRAINA 0

(19′ Mustafi, 93′ Schweinsteiger)

L’eurodomenica si è conclusa col battesimo dei campioni del mondo al cospetto degli uomini di Fomenko. Fomenko come il matematico russo autore della teoria secondo cui tutta la storia antica sarebbe un’invenzione rinascimentale. Fomenko come il tizio che per sessant’anni ha vissuto come Tarzan nella foresta australiana. Insomma, un cognome garanzia di TSO.

Invece il CT ucraino pare in grado di intendere e di volere e – coadiuvato da Andrij Shevchenko come vice – ha messo in grossa difficoltà lo schiacciasassi di bianco vestito guidato da Loew. Quando gioca la Germania, la Rai schiera sempre l’artiglieria pesante. E l’artiglieria pesante risponde al nome di Stefano Bizzotto. Arrivato in cabina di commento nel suo consueto abito tipico bavarese, ha iniziato a snocciolare tutto ciò che sa sulla formazione tedesca, cioè tutto. Ma proprio tutto. Lo dimostra il fatto che nel pre-partita, il terzo portiere teutonico Leno, lo abbia avvicinato per sapere a che ora suo zio Gǖnther Leno avrebbe dovuto assumere la cardioaspirina serale. “Alle 22, ovviamente…salutamelo, mi raccomando, e digli di non lasciare la macchina in strada ché domattina alle 6 passano a lavare le strade”, ha risposto sorridente Bizzotto.

La partita è stata caratterizzata da due miracoli di Neuer, un salvataggio sulla linea eroico di Boateng e dal cinismo della Germania che prima ha segnato con l’ex Sampdoria Mustafi sugli sviluppi di un calcio piazzato e poi ha raddoppiato al 93′ con il vecchio leone Schweinsteiger, appena subentrato all’impalpabile Gotze. A nulla è valso l’estremo tentativo di pareggiare del CT Fomenko che alla fine ha gettato nella mischia Zinchenko a cui anni fa Alberto Fortis dedicò il celebre ritornello “Zinchenko io ti ammazzerò”.

Nel mezzo, riducendo la partita a semplice contorno, lo show personale del CT tedesco Joachim Loew, in una sgargiante maglia antracite no logo (parte superiore di un pigiama Irge) ha incantato il pubblico di tutto il mondo con la specialità della casa. Già celebre per le sue imprese speleologiche all’interno delle proprie narici, nei novanta minuti del match ha mostrato di aver affinato la tecnica, specializzandosi anche in ravanamenti (posteriori e anteriori) nelle mutande. Il tutto seguito come sempre dall’esame organolettico di quanto estratto. Chiamate Elio e dategli un silos.

Joachim Loew, il cercatore di tesori nascosti

Joachim Loew, il cercatore di tesori nascosti

I peggiori: Gotze e Muller (Ger)

I migliori: Draxler (Ger) e Pyatov (Ucr)

Se questa partita fosse una canzone: “Silos” di Elio e le Storie Tese cantata da Joachim Loew

Commento tecnico del Nonno Raoul: “Iè sta spipà chior lì dl’Ucraina” (“La formazione di Fomenko non ha raccolto quanto meritava anche a causa di episodi particolarmente sfortunati”)

13 giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»