Lazio

Borse di studio Enav-Intercultura, partiti 17 ragazzi italiani per programmi di studio all’estero

Studenti Intercultura

Studenti Intercultura

ROMA – Diciassette studenti italiani sono partiti ieri per un programma di studio all’estero grazie a borse Intercultura. Sono figli di dipendenti Enav, che, per merito, affronteranno un viaggio verso Canada, Irlanda, Stati Uniti, Danimarca (con un programma estivo), Irlanda e USA (con un soggiorno annuale).

Enav, la società che fornisce il servizio di controllo del Traffico aereo civile in Italia, e la Fondazione Intercultura “credono fortemente nell’investimento sulla formazione internazionale dei giovani del territorio, riconoscendo l’importanza che questa esperienza di vita e di studio all’estero ha nel bilancio della formazione personale di chi è partito- rendono noto in un comunicato-, non solo sul piano delle lingue e delle competenze pratiche, ma anche e soprattutto nella capacità di affrontare al meglio le difficoltà e le sfide del mondo dello studio e del lavoro”.

Grazie a queste borse di studio, totali e parziali, ogni anno più di 1800 studenti italiani delle scuole medie superiori partono per un’esperienza di studio all’estero tramite l’Associazione Intercultura, Onlus che dal 1955 opera su tutto il territorio nazionale per promuovere un progetto di crescita interculturale per studenti, scuole e famiglie.

I giovani meritevoli che partiranno alla scoperta di una nuova cultura arrivano da tutta Italia e sono: Valeria Mayuri di Lodi, Domenico De Luca di Pescara, Alessia Civello di Parma, Arianna Bavastrelli di Messina, Marco Baldetti di Pesaro Urbino, Gianluca Magrì di Vicenza, Giacomo Casali di Ravenna, Fulvio Velotti di Padova, Veronica Cerqua di Tivoli, Lorenza Fortunati di Perugia, Dalila Rinaldi di Brindisi. Infine, dalla zona di Roma: Marta Ottoveggio, Edoardo Andreini, Filippo Ruscio, Alessandro Saviantoni, Federica Pizzuti e Cinzia De Gregorio.

 

 

 

13 giugno 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»