‘Non sei il benvenuto’: striscione anti-Salvini rimosso dai pompieri prima del suo arrivo

"Quello che è accaduto a Brembate, in provincia di Bergamo è inaccettabile”, così la Funzione pubblica della Cgil dei Vigili del fuoco
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non sei il benvenuto”. Recitava così lo striscione anti-Salvini che questa mattina i Vigli del Fuoco di Brembate, in provincia di Bergamo, hanno tolto prima dell’arrivo del vicepremier e ministro dell’Interno. Matteo Salvini si difende: “Non ne so niente”, risponde ai giornalisti. “Finchè c’è colore e non provano a baciarmi, in democrazia ognuno fa quello che vuole- aggiunge- l’importante è che non ci siano problemi di ordine pubblico”. Salvini è in Lombardia per la campagna elettorale per le elezioni comunali ed europee del 26 maggio.

L’IRA DEI POMPIERI: NOI NON FACCIAMO PROPAGANDA

“Non è lavoro per i Vigili del fuoco. Quanto accaduto a Brembate, in provincia di Bergamo, poco prima dell’arrivo del ministro dell’Interno, Matteo Salvini, è inaccettabile”, tuonano i Vigili del Fuoco. Una decisione giudicata “inaccettabile” perchè i pompieri “fanno soccorso, non propaganda”, dice la Funzione pubblica della Cgil dei Vigili del fuoco. “Non si può consentire- prosegue la sigla- che si utilizzi una squadra dei Vigili del fuoco, rimuovendola dal lavoro quotidiano, per costringerla a rimuovere uno striscione. Si opera un danno all’erario, perché i Vigili del fuoco non fanno ‘pubblica sicurezza’ ma operano per portare soccorso, e si colpisce un diritto inalienabile del cittadino, quello al legittimo dissenso. Siamo solidali con i colleghi costretti ad operare in questa non prevista operazione e chiediamo ai vertici del corpo e del Viminale che si faccia immediata chiarezza”, conclude la Fp-Cgil Vigili del fuoco.

GORI: CHI HA DATO ORDINE INTERVENIRE?

“Stamattina alle 9 Salvini parlava a Brembate (Bergamo) ad un’iniziativa di partito. Una signora ha esposto alla finestra uno striscione (vedi foto). Poco dopo lo striscione è stato rimosso dai vigili del fuoco. Domando: chi ha dato loro l’ordine di intervenire? A che titolo?”. Lo scrive su twitter Giorgio Gori, sindaco di Bergamo, sullo striscione rimosso dai pompieri a Brembate (Bg).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

13 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»