Energia, ad Augusta tutto sul Gnl: workshop sul futuro del gas naturale

workshop gnl augusta

ROMA – Il Gnl è l’energia di un futuro molto più vicino di quanto possa sembrare, in cui la Sicilia e l’Italia giocheranno un ruolo importante. È quanto emerso oggi dal workshop “Italia hub del gas naturale, opportunità Gnl per il mediterraneo”, organizzato da ConferenzaGNL in collaborazione al Circolo Ufficiali della Marina Militare di Augusta, Siracusa. Alla presenza di istituzioni, imprese, operatori, esperti del settore e media è stato fatto il punto sulle eccellenti prospettive che il Gnl (gas naturale liquefatto), combustibile green del futuro, offre non solo per il porto di Augusta e per l’economia del mare siciliana ma per l’intera economia dell’isola e, in prospettiva, del Paese.

Durante l’evento, organizzato sotto l’egida della Marina Militare, è stato anche illustrato il programma “Flotta verde” che prevede progetti di sorveglianza e manutenzione costiera effettuati con navi “pulite” alimentate a Gnl. Maria Concetta di Pietro, sindaco di Augusta, ha aperto i lavori sottolineando l’importanza in prospettiva del Gnl per Augusta: “Per il nostro territorio questa nuova tecnologia è molto importante per le possibili ricadute positive, per questo motivo la stiamo monitorando con grande attenzione”. Intervenuto all’evento, il contrammiraglio Nicola de Felice, Comandante Marittimo Sicilia, ha presentato il nuovo progetto a tutela del mare delle Unità della Marina Militare di Augusta: “La flotta verde è una sfida importante che la Marina si pone in qualità di Forza Armata promotrice di innovazione: il progetto di un combustiile alternativo a quello fossile. È un progetto che prevede tra l’altro la possibilità di utilizzare i motori delle nostre navi anche con il Gnl, energia pulita a basse emissioni che ci consente di confrontarci nel breve periodo con il problema dell’inquinamento marino”. Così in un comunicato ConferenzaGNL.

workshop gnl augusta

Durante i lavori, Paolo d’Ermo, Direttore Wec Italia, ha tenuto a sottolineare il contesto mondiale favorevole all’impiego del gas naturale e in particolare del Gnl: “C’è ampia condivisione a livello internazionale sul fatto che il Gas Naturale sia la fonte fossile che accompagnerà la transizione dei sistemi energetici verso la decarbonizzazione, trend per altro già in atto. L’Unione Europea, confermando la sua leadership ambientale, sta promuovendo gli utilizzi del Gas anche in settori non tradizionali, come i trasporti terrestri e marittimi attraverso l’impiego diretto di Gnl. Le performance ambientali del gas naturale liquido assicurano una riduzione degli inquinanti atmosferici globali (CO2) e locali (zolfo, azoto, polveri sottili), in linea con le politiche di tutela ambientale di lungo termine sottoscritte dai maggiori governi a seguito della COP 21 di Parigi”. Diego Gavagnin, coordinatore scientifico di ConferenzaGNL, ha invece tracciato una stima delle ricadute della filiera Gnl: “Le analisi sul potenziale di mercato del Gnl nel Canale di Sicilia sono davvero confortanti. Il solo porto di Augusta ne potrebbe utilizzare per 500 mila tonnellate. Anche pensando ad un 10% di trasformazioni all’anno si giustifica un deposito da 5-10 mila metri cubi di capacità, che avrebbe un costo abbastanza contenuto, sui 30-40 milioni di euro. Un deposito che poi potrebbe alimentare anche il traffico terrestre pesante dell’isola, altre 500 mila tonnellate potenziali. Allora sì che si potrebbe parlare di Sicilia green nel cuore del Mediterraneo”. “L’incontro di Augusta è molto importante e dimostra la volontà di tutto il settore di entrare in una nuova era sostenibile grazie al gas, che è un’energia molto più pulita del gasolio abbattendo drasticamente le emissioni nocive nell’ambiente, e impiegato già in molte zone mondiali. Ora occorre che questo accada anche nel Mediterraneo: non è facile ma la strada è tracciata. Ci sono investimenti da fare e bisogna convincere gli armatori ma la Marina Militare sta dando l’esempio”, sottolinea Samuele Furfari, consigliere Direttore Generale Energia Commissione Europea, intervenuto in videoconferenza da Brussel.

Presenti al workshop anche importanti player del settore privato, tra cui Lorenzo Matacena, consigliere d’amministrazione di Caronte&Tourist Spa, che ha illustrato i progetti aziendali legati alla nuova soluzione energetica: “La nostra azienda, che vanta 14 navi per il trasporto passeggeri nello Stretto, è molto interessata a questo tipo di combustibile. Intendiamo avere una nave alimentata anche a Gnl già entro il 2018 ma puntiamo ad incrementarne il numero. La strategia riguarda per ora solo lo stretto di Messina: in Italia dobbiamo essere bravi a sviluppare una rete estesa, come quella nel Nord Europa, grazie a nuove infrastrutture essenziali e a una normativa adeguata a supporto: in questo caso, la Sicilia potrebbe diventare davvero l’hub del Mediterraneo, visto che vanta il maggior numero di navi nell’area in grado di utilizzare il Gnl”.

Il workshop è stato articolato in due sessioni tematiche: la prima dedicata al traffico marittimo e alla relativa sostenibilità ambientale, la seconda alle infrastrutture necessarie per fare dell’Italia l‘hub euro-mediterraneo del gas naturale e del Gnl. Oltre alle specifiche relazioni, il programma prevedeva due tavole rotonde con i rappresentanti delle più importanti imprese interessate con i quali si discuterà di obiettivi, strategie e progetti all’avanguardia. L’evento di Augusta è stato possibile grazie alla sponsorizzazione di Caronte & Tourist Spa, Marine Engineering Services Srl, Polargas Srl e Wärtsilä Italia Spa. WorkshopGNL sono incontri di approfondimento organizzati in collaborazione con Wec Italia da ConferenzaGNL, un’iniziativa indipendente che ha l’obiettivo di promuovere la nuova filiera industriale del gas metano liquido per i trasporti marittimi, terrestri pesanti e per gli usi industriali e civili in Italia e nel Mediterraneo, conclude ConferenzaGNL.

13 Maggio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»