Mattarella in Libano: "Ue non dimentichi focolai di crisi" - DIRE.it

Europa

Mattarella in Libano: “Ue non dimentichi focolai di crisi”

mattarellaROMA – “Il Presidente Mattarella oggi in Libano per visita a Contingente militare Italiano in Unifil e nella Repubblica Libanese @MinisteroDifesa”: l’annuncio della visita ‘a sorpresa’ del presidente della Repubblica in Libano arriva via Twitter.  Sul sito della presidenza della repubblica si legge: “Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, accompagnato dal Ministro della Difesa, Roberta Pinotti, è arrivato in Libano per una visita non preannunciata durante la quale incontrerà nella base di Shama gli uomini e le donne del contingente italiano della missione Unifil (United Nations Interim Force in Lebanon), la Forza di interposizione delle Nazioni Unite nel Sud del Libano”.

“L’Europa conserva nella sua memoria la lunga ed estenuante serie di conflitti che hanno minato la pace anche nel resto del mondo. Sono ancora vive le tragedie consumatesi anche recentemente, così come rimane vivo il ricordo, tramandato di generazione in generazione, delle grandi sofferenze e dei sacrifici patiti durante le due devastanti guerre mondiali”, ha detto Mattarella, in occasione della visita. Questo, aggiunge, “ci ha indotto a ricercare, con forza e determinazione, nel nostro continente, la concordia e a non essere indifferenti ai focolai di crisi che si sviluppano in aree anche non a contatto immediato con i nostri confini, ma che finiscono per avere impatto su regioni geografiche ben più ampie, come si registra di continuo”. Per questo, dice ancora, “l’Italia partecipa in maniera così convinta e con ruoli decisivi alle missioni di pace in quest’area, nell’ambito delle scelte delle Organizzazioni internazionali alle quali il nostro Paese aderisce. Lo facciamo nella consapevolezza che ogni persona ha dignità da rispettare. Che i diritti umani sono indivisibili. Lo facciamo per la nostra sicurezza e per quella collettiva”.

13 maggio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»