Roma, Sabella: “Orfini dice la verità, Marino sostituì Masini per somme urgenze”

"Apprezzo il lavoro che Masini aveva portato avanti nella Giunta Marino: era sbagliato il metodo, non l'obiettivo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Quello che avevo da dire l’ho scritto nel mio libro. La scelta di cambiare Masini, al quale andai personalmente a comunicarlo, fu presa dal sindaco Marino anche in relazione alla gestione da assessore al Lavori pubblici delle somme urgenze, che avevano comportato debiti fuori bilancio per 100 milioni di euro. Effettivamente il nostro ultimo atto, su proposta mia e di Pucci dopo aver acquisito un parere dell’Avvocatura e verificato che comunque i lavori erano stati fatti, fu trasmettere quegli atti alla procura regionale della Corte dei conti perché valutasse se ci fosse o meno un danno erariale. Orfini ha certamente detto la verità”. Lo ha detto all’agenzia Dire il magistrato Alfonso Sabella, ex assessore alla Legalità della Giunta Marino, interpellato in merito all’intervista rilasciata sempre alla Dire da Paolo Masini.

“Non voglio comunque entrare in queste polemiche che non credo facciano bene a Roma- ha sottolineato Sabella- anche perché apprezzo il lavoro che Masini aveva portato avanti nella Giunta Marino e, come ho scritto nel mio libro, in quell’occasione era sbagliato il metodo ma non l’obiettivo, che era quello di dare scuole più confortevoli e sicure ai ragazzi di Roma”.

LEGGI ANCHE:

Marino contro Orfini: “Da lui insulti e falsità, farò causa civile per risarcimento danni”

Roma, intervista all’ex assessore Masini: “Marino ‘incaprettato’ dal Pd, Orfini fu il regista”

Pd, Orfini risponde a Masini: “Sulla caduta di Marino parole incredibili”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

13 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»