Aeroporto Venezia, nuovo polo logistico Dhl da 34 mln - DIRE.it

Veneto

Aeroporto Venezia, nuovo polo logistico Dhl da 34 mln

Aereo che decolla

VENEZIA – Nel corso dei prossimi due anni l’aeroporto Marco Polo di Venezia vedrà un’espansione dell’area destinata al polo logistico che lo renderà sempre di più il punto di riferimento del traffico aereo commerciale del Triveneto. È il progetto Green Field, frutto dell’accordo sottoscritto oggi tra l’azienda di trasporti Dhl e Save, la società di gestione dello scalo. Il piano di sviluppo prevede l’ampliamento dell’area destinata alle spedizioni commerciali, con la costruzione di un nuovo magazzino che “non solo sarà funzionalmente innovativo, ma trovandosi a Venezia dovrà garantire altissimi standard qualitativi, con il migliore design e avrà la certificazione Lead, che è la più rigorosa certificazione per la riduzione dell’impatto energetico”, spiega Alberto Nobis, amministratore delegato di Dhl Express Italia. I lavori di costruzione di Green Field, per cui è previsto un investimento di circa 34 milioni di euro, inizieranno verosimilmente all’inizio del 2017, e termineranno alla fine del 2018.

aereoL’obiettivo è spostare quasi tutto il traffico commerciale del Triveneto, “un’area tra le più produttive d’Europa e del mondo”, sul Marco Polo, passando dalle attuali 133 rotte a circa 200 rotte. Già oggi il distretto industriale del Triveneto genera 72 miliardi di euro di export (crescita del 4 per cento nel 2015 rispetto al 2014) ma secondo le previsioni di Nobis e di Enrico Marchi, presidente Save, l’indotto generato è destinato ad aumentare nei prossimi anni, anche e soprattutto grazie al commercio online. “Il mio sogno– conclude Nobis- è portare il ‘777 A 300’ (un aereo cargo che attualmente vola solo su Malpensa, molto più grande dei 757 che attualmente servono il Marco Polo, ndr.) a Venezia entro i prossimi 10 anni“.

13 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»