La ‘medusa salvaslip’ e la seppia con il profilattico: in mostra a Ischia le interazioni tra organismi e plastica

Gli scatti dei fotografi subacquei Pasquale Vassallo e Guido Villani raccontano le interazioni degli organismi marini con le plastiche
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una medusa si attacca a un salvaslip nel mare di Bacoli. Un’altra nuota in un mare di rifiuti. Una seppia si avvicina a un profilattico usato, nella laguna di Miseno. Un cefalo resta intrappolato in una rete abusiva a pochi metri dal Parco archeologico sommerso di Baia. Sono istantanee sorprendenti e inquietanti quelle che saranno in mostra a Ischia, all’auditorium Leonardo Carriero di Lacco Ameno, in occasione di “ FONDAmentaLI”, il seminario pubblico organizzato dall’area marina protetta “Regno di Nettuno” per sabato 16 marzo, a partire dalle 9.30.

La mostra fotografica, che si compone di scatti dei fotografi subacquei Pasquale Vassallo e Guido Villani, tra i più apprezzati a livello internazionale, racconta le interazioni degli organismi marini con le plastiche, mostrando gli effetti dirompenti della cosiddetta “marine litter”, in particolare nel golfo di Napoli.

“Sono immagini di forte impatto – spiega Vassallo – e il nostro auspicio è quello che facciano breccia nell’immaginario collettivo perché si intraprendano pratiche virtuose, e ormai improcrastinabili, nella riduzione dei rifiuti”. Tra gli interventi in programma quello di Roberto Sandulli, associato di zoologia all’università Parthenope, che parlerà proprio di inquinamento da micro e macroplastiche in mare: “L’Italia – anticipa – produce ogni anno oltre 4720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere: almeno 700 specie di organismi marini interagiscono negativamente con le plastiche”.

“Il nostro obiettivo – spiega il direttore dell’area marina protetta, Antonino Miccio – è quello di trasmettere in maniera semplice ed efficace le evidenze presenti, spesso oggetto di studi di rilevanza internazionale, purtroppo ancora poco conosciute dalle maggior parte della popolazione”. L’evento di Ischia arriverà proprio all’indomani delle manifestazioni di sensibilizzazione in tutto il mondo sulle tematiche del riscaldamento globale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

13 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»