Caso Blutec, gli operai di Termini Imerese in sciopero

E' la prima forma di mobilitazione messa in atto dalle tute blu dopo l'inchiesta che ha messo ai domiciliari il presidente e l'amministratore delegato
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Quattro ore di sciopero per ognuno dei 130 lavoratori Blutec in servizio nella fabbrica di Termini Imerese. Questa la prima forma di mobilitazione messa in atto dalle tute blu dello stabilimento in provincia di Palermo, preoccupate per le sorti dell’azienda dopo l’inchiesta che ha posto ai domiciliari il presidente e l’amministratore delegato Roberto Ginatta e Cosimo Di Cursi.

LEGGI ANCHE Termini Imerese, da Sicilfiat a Blutec: il sogno industriale tradito della Sicilia

I 130 – tra cui anche progettisti, manutentori e sorveglianti – rappresentano una piccola parte del totale della forza lavoro che attende di essere riassorbita: alcuni sono impegnati in turni di otto ore giornaliere, altri di sei e di quattro. A queste si aggiungono altre due ore di formazione al giorno. Nella giornata di oggi, raccontano fonti sindacali, era previsto anche l’ingresso in fabbrica di altri tre operai e di un impiegato.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

13 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»