Lazio, Tidei: “Tenere corsi di formazione per operatori sociosanitari”

"Dobbiamo dare nuove opportunità di lavoro a chi decide di intraprendere questo percorso nella nostra Regione"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ho presentato una mozione per chiedere alla Giunta regionale di provvedere quanto prima a porre in essere tutte le iniziative necessarie a quantificare il fabbisogno al fine di autorizzare la realizzazione di un congruo numero di corsi di formazione professionale per le figure di operatore socio sanitario da parte degli enti accreditati, e a valutare anche la programmazione di bandi per la formazione finanziata inerenti le medesime figure professionali. Nella Regione Lazio – eccezion fatta una banditura del settembre 2018 rivolta alla riqualificazione di figure professionali concordata con le Asl – non vengono svolti da anni corsi specifici per formare nuove figure professionali di operatori socio-sanitari e sono moltissimi coloro che si recano in altre regioni e a costi elevatissimi, per conseguire questo attestato. Nel Lazio, così come nel resto d’Italia il tasso demografico continua ad essere sempre più sbilanciato verso adulti e anziani per questo l’impiego di operatori professionalmente specializzati diviene sempre più importante e significativo nel settore sanitario, socio-sanitario e socio-assistenziale. Queste figure sono molto richieste: dobbiamo dare nuove opportunità di lavoro a chi decide di intraprendere questo percorso nella nostra Regione senza costringere tanti giovani a recarsi fuori regione per formarsi in questa professione. Sono certa che la Giunta dimostrerà sensibilità su un tema tanto importante”. Così in un comunicato la consigliera regionale del Lazio Marietta Tidei (Pd).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

13 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»