Internet, bando WiFi4Eu vinto da 224 Comuni: Italia più connessa

Fra le regioni che hanno vinto il numero maggiore di voucher, in testa la Lombardia, con 40 Comuni, seguita da Campania con 30 e Piemonte con 27
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Sono 224 i Comuni italiani che hanno vinto il bando: il coupon di 15mila euro servirà per portare internet nei luoghi pubblici nei territori”. A parlare all’agenzia Dire e’ Carlota Reyners Fontana, capo dell’Unita’ degli investimenti in rete di alta capacita’ dell’Unione Europea intervistata a margine del workshop ‘Wifi4Eu’ organizzato da Eurocomunicazione, con l’obiettivo di mettere a fuoco i risultati dell’omonimo bando europeo rivolto ai comuni per accedere ai fondi da spendere nell’attivazione di hotspot e aree wifi gratuite nei territori comunali di tutta Europa.

Durante il convegno, che ha avuto luogo nella sala Spazio Europa a Roma, si è fatto il punto sulla partecipazione dei Comuni italiani al progetto: fra le regioni dello Stivale che hanno vinto il numero maggiore di voucher, in testa la Lombardia, con 40 Comuni, seguita da Campania con 30 e Piemonte con 27. Fontana ha spiegato: “I Comuni italiani si sono aggiudicati il numero massimo di voucher a disposizione per l’Italia”.

Quindi la responsabile del progetto europeo per lo stanziamento dei fondi ha illustrato il meccanismo di partecipazione al bando: “L’iscrizione si svolge attraverso portale online e la gara si vince per velocità di adesione. I Comuni italiani erano entusiasti del progetto- prosegue la dirigente- e si sono iscritti molto rapidamente”. 

Riguardo ai fondi europei ha aggiunto: “‘Wifi4Eu’ gode di uno stanziamento di 120 milioni di euro, e al momento ne sono stati spesi 42, quindi ci saranno altri tre bandi: due sicuramente verranno attivati quest’anno” assicura Carlota Reyners Fontana. Ben 3.202 municipi italiani – anche in forma associata – avevano risposto al bando a novembre 2018, registrando un record fra i Paesi Ue che avevano aderito con un totale di 13mila iscrizioni. 

Donatella Proto, funzionaria del Ministero dello Sviluppo Economico e responsabile di ‘Wifi Italia’, ha indicato le finalità del progetto realizzato in patnership con l’Unione Europea: “L’iniziativa lanciata da due anni dal Ministero dello Sviluppo Economico intende portare internet in tutti i Comuni italiani”. L’idea è quella di “partire dalle zone più disagiate colpite dal terremoto del 2016, per poi arrivare ai comuni più piccoli ed estendere nei prossimi anni l’iniziativa a tutti i comuni italiani” fino a quando “tutti i cittadini avranno la possibilita’ di accedere al servizio wifi”. Questo, gia’ da ora, scaricando la app per smartphone e tablet, e registrandosi al portale www.wifitalia.it. 

Così, conclude la dirigente Mise, “potranno godere della connettività in tutti i magnifici posti della nostra nazione”. Infine Salvatore Lombardo dirigente di Infratel, azienda partner del progetto ‘Wifi4Eu’, ha dichiarato: “La patnership con l’Europa è stata molto efficace”, riferendosi non solo ai finanziamenti, ma anche alla possibilita’ di integrare la rete italiana di wifi a quella europea: “In questo modo sara’ possibile viaggiare in tutta l’Unione Europea utilizzando le aree wifi finanziate dall’Unione”. 

Il progetto ‘Wifi4Eu’ ha avuto il suo avvio dopo il discorso, a settembre 2016, del presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker sullo Stato dell’Unione, centrato sul tema delle revisioni delle norme Ue in materia di telecomunicazioni. L’incontro ‘Wifi4EU’ di stamani nella capitale e’ stato ideato e organizzato da Eurocomunicazione, think tank fondato da Giovanni De Negri nel 2002, con l’obiettivo di approfondire tematiche legate all’Unione europea in Italia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

13 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»